Casa dei papà a Latina, il progetto in Consiglio. “Ora la consegna degli alloggi”

Il tema sarà affrontato in aula giovedì 3 agosto. Il consigliere Coluzzi: “Finalmente verranno impegnate le somme per il concreto avvio del progetto”. Adiantum: “Dopo anni di lotte, è arrivato il momento di consegnare le case ai destinatari”

Sembra destinata ad avere un epilogo positivo la vicenda della “Casa dei Papà” a Latina di cui si parlerà anche in Consiglio comunale il 3 agosto al fine di rendere operative le tre unità immobiliari a struttura di accoglienza residenziale per padri separati. 

Attraverso un finanziamento da avanzo vincolato verranno destinati 103.042 euro per attrezzature ed arredi, mentre per il pagamento delle utenze saranno impegnati 50.470 euro.

A darne notizia il consigliere comunale Matteo Coluzzi. “Dopo numerose discussioni, accesi confronti ed il Question Time presentato dal sottoscritto verranno finalmente impegnate le somme per il concreto avvio del progetto ‘Casa dei Papà’, per la quale la Regione ha concesso per l’attuazione un finanziamento di euro 220.000,00 ( recepita dal comune con Deliberazione di C.C. n.569 del 8/11/2012 avente ad oggetto: Immobili comunali di cui alla Deliberazione di Consiglio Comunale n.36/09-Individuazione della destinazione sociale).

In seguito all’interrogazione da me indirizzata in data 2 febbraio 2017 all’assessore Patrizia Ciccarelli – spiega Coluzzi – fu risposto che la consegna degli alloggi agli aventi diritto non era avvenuta poiché le unità abitative erano ancora sprovviste di allacci per l’erogazione di luce, acqua e gas. Il problema con i contatori avrebbe dovuto avere rapida soluzione dando seguito alla consegna definitiva dei alloggi ai papà in difficoltà che hanno fatto richiesta, ma così non è stato. 

Nonostante l’attesa, la tenacia nell’evidenziare l’importanza di tale argomento ha trovato finalmente riscontro”.

Il tema sarà infatti affrontato giovedì in Consiglio. “Sicuramente un passo avanti per dare risposta a coloro che attendono ormai da tempo una abitazione dove poter stare con i propri figli, ma che sarà motivo di compiacimento di tutti coloro che hanno a cuore questa tematica solo nel momento in cui sarà realmente avviato il progetto in questione. Considerate le tempistiche e considerato tale impegno economico, l’auspicio è che finalmente adesso si possa procedere alla consegna delle unità abitative oltre alla riapertura del avviso pubblico per l’assegnazione degli alloggi ancora non destinati”.

Per il consigliere Coluzzi, tuttavia, “resta l’interrogativo su che fine abbiano fatto quelle somme che già furono impegnate per arredare i tre alloggi con annesso un piccolo giardino in via Scipione L’Africano ma non mancherà occasione per appurarlo nelle sedi preposte”.

“Questa della ‘Casa dei Papà’ così come ogni argomento che riguardi l’emergenza abitativa e genitoriale che stiamo vivendo rientrano tra le le vere priorità che devono essere affrontate, il diritto sociale di una cittadinanza che oggi più che mai ha bisogno di risposte concrete e tempestive”.

Lo sgombero degli abusivi che avevano occupato gli appartamenti di proprietà comunale destinati al progetto “Casa dei papà separati” è una piccola vittoria per l’Adiantum– Associazione di Aderenti Nazionale per la Tutela dei Minori che già a settembre 2015 aveva denunciato le irregolarità. “Una vittoria della legge contro la prepotenza di gente senza scrupoli – commentava Giacomo Rotoli, presidente di lAdiantum – e una piccola/grande vittoria anche per la nostra associazione, che per prima ha denunciato quanto stava accadendo sotto gli occhi delle Istituzioni locali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ci siamo spesi tutti con impegno affinché questo sopruso, commesso ai danni di fasce deboli della popolazione quali sono i papà separati, cessasse – dichiara Massimiliano Gobbi, coordinatore nazionale Adiantum -. Dopo anni di lotte, è arrivato il momento di consegnare le case ai destinatari previsti dal Comune e riaprire l'avviso pubblico per assegnare gli alloggi non ancora destinati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni amministrative 2020, i risultati: è ballottaggio a Fondi e Terracina

  • Elezioni a Fondi 2020: è ballottaggio tra Maschietto e Parisella

  • Elezioni a Terracina 2020: è ballottaggio tra Roberta Tintari e Valentino Giuliani

  • Coronavirus, 195 casi nel Lazio e tre morti. In provincia dati in flessione dopo il picco

  • Coronavirus: ancora 230 casi positivi nel Lazio e 22 nuovi contagi in provincia

  • Coronavirus: 10mila tamponi e altri 230 casi nel Lazio. In provincia 15 contagiati in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento