Sabato, 20 Luglio 2024
Politica

Con il disegno di legge sul centenario Latina guarda al futuro: “Una grande sfida per la città”

E’ stato il senatore Calandrini a fare il punto della situazione dopo l’approvazione in Senato. La sindaca Celentano: “Il sogno si sta realizzando”; la consigliera di opposizione Ciolfi: “Un’opportunità inedita per la città”

“Questo non è il progetto di una parte ma è uno strumento per tutta la comunità. Un’occasione di riflessione per progettare la Latina futura”: così il senatore di Fratelli d’Italia Nicola Calandrini questa mattina nel corso della conferenza stampa convocata per illustrare le novità relative al disegno di legge sulle celebrazioni del centenario della città. Il ddl, approvato in Senato, vede come primo firmatario proprio Calandrini ed è stato sottoscritto dai senatori Fazzone, Paganella e Menia.

Calandrini: "Una grande sfida per la città"

“Non posso non ringraziare i miei colleghi senatori pontini Claudio Fazzone e Claudio Durigon che con me hanno sostenuto il disegno di legge ma il ringraziamento va a tutti i gruppi parlamentari presenti in Senato che hanno votato questo provvedimento all’unanimità, con particolare riferimento ai gruppi parlamentari del Pd e 5Stelle che, con i loro 10 emendamenti che sono stati approvati, hanno migliorato il testo che è stato definitivamente licenziato dal Senato ed ora è alla Camera dove  auspico sarà votato con un ampio sostegno parlamentare e quindi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Oggi noi vogliamo raccontare dell’opportunità che deriva dall’istituzione di una fondazione per il centenario della città di Latina – ha proseguito il senatore-  Questo non è il progetto di una parte ma è uno strumento per tutta la comunità. Un’occasione di riflessione per progettare la Latina futura. Il giorno del centenario deve servire a sottolineare la storia unica di questa città che ha nel suo Dna l’accoglienza e l’integrazione. Il centenario sarà anche un momento di crescita culturale, turistica ed economica.

Segnalo - ha poi aggiunto Calandrini - il bisogno di coinvolgere i Comuni della provincia: Latina è il capoluogo e la capitale di questa provincia, deve essere attenta alle comunità che la circondano e che sono parte della città stessa. Grazie a questo disegno di legge nascerà una fondazione aperta alle intelligenze della città. In autunno faremo un evento in teatro che rappresenterà lo start per parlare di questa grande sfida che ci aspetta. Questa è stata città di fondazione, ha visto vincere una sfida dell’uomo contro la natura bonificando una palude, un percorso di quasi 100 anni fatti tutti di un fiato. In questa operazione non c’è spazio per alcuna nostalgia ma anzi il disegno di legge guarda al futuro partendo dal necessario rafforzamento delle radici storiche ed identitarie di questa città che, come sosteneva il compianto sindaco Nino Corona, ha tutte le carte in regola per essere una città europea. Finalmente – ha concluso Calandrini -  abbiamo l’opportunità di fermarci, prendere la rincorsa e lanciarci verso il futuro”. 

Celentano: “Il sogno si sta realizzando”

“A distanza di un anno quello che sembrava un sogno, si sta realizzando - ha detto la sindaca di Latina Matilde Celentano presente al tavolo -. L’iter parlamentare, con tanto di passaggi nelle competenti commissioni, sta filando liscio. Il Ddl è stato approvato dal Senato pochissimi giorni fa e sono certa che riceverà consenso anche dalla Camera dei Deputati. La nostra città potrà avere a disposizione somme importanti per giungere, con scelte condivise, all’appuntamento del 2032; avrà l’opportunità di realizzare un’offerta culturale non soltanto attrattiva per l’anno delle celebrazioni ma duratura nel tempo, in grado di calamitare presenze turistiche e di promuovere all’estero il territorio. Appena una settimana fa - ha aggiunto ancora la prima cittadina - abbiamo celebrato il 92esimo anniversario della posa della prima pietra di Littoria. Non è stata una celebrazione nostalgica, ma una celebrazione che guarda al futuro, allo sviluppo della nostra città attraverso i giovani. Mi piace pensare alla Latina del futuro ancora giovane e per i giovani ed è per questo che stiamo mettendo in atto la realizzazione di un sogno iniziato 30 anni fa di fare di Latina una vera città universitaria. Oggi è il giorno del Ddl. Il centenario di Latina, nel 2032, sarà una celebrazione partecipata. E per questo voglio ringraziare ancora il senatore Calandrini per aver avviato un’interlocuzione con le diverse forze politiche e associative della città. Cammineremo tutti insieme, cercando di integrare quella che sarà l’offerta culturale con le prospettive di sviluppo che come amministrazione sosteniamo fermamente”.

Ciolfi: “Un’opportunità inedita per la città”

In rappresentanza di tutte le forze politiche di opposizione in Consiglio comunale -Lbc Pd, Per Latina 2032 e M5S - a cui si è aggiunta Azione, è intervenuta la consigliera Maria Grazia Ciolfi che ha definito questo progetto di legge “un'opportunità inedita per la città, per riportare la cultura al centro del dibattito cittadino ma soprattutto al centro degli investimenti e della progettualità dell'ente. Queste le ragioni - ha detto - che ci hanno portato ad aprirci, come opposizioni, al confronto costruttivo e propositivo. Riteniamo di importanza fondamentale portare il nostro contributo politico al di là di ogni steccato ideologico e partitico per indirizzarlo al benessere della città e della collettività. Un progetto di legge che riteniamo debba rappresentare tutta la città nel rispetto delle differenze e della pluralità, da sempre peculiari per la nostra città, e debba guardare al futuro evitando ogni possibile scivolamento ideologico e nostalgico. Come forze di opposizione controlleremo che ciò non accada, valorizzando la storia di Latina nella sua interezza anche con la valorizzazione del 25 maggio come data di liberazione di Latina dal nazifascismo. Questa la direzione del nostro contributo - ha aggiunto Ciofli -, che abbiamo inteso concretizzare con una serie di emendamenti redatti attraverso il confronto all'interno dei nostri tavoli di lavoro sulle tematiche cittadine ma soprattutto dall'ascolto dei cittadini, volgendo l'attenzione principalmente alla partecipazione e al rigore delle procedure in particolare in tema di verifica dei risultati attesi come punto di partenza per il miglioramento dei progetti stessi”. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con il disegno di legge sul centenario Latina guarda al futuro: “Una grande sfida per la città”
LatinaToday è in caricamento