menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cisterna, cittadinanza onoraria a Liliana Segre: la proposta discussa in Consiglio

E’ stato uno dei punti all'ordine del giorno dopo la richiesta dei consiglieri di opposizioneåc che non ha trovato d’accordo il sindaco Carturan

La richiesta di conferimento della cittadinanza onoraria a Liliana Segre uno dei punti discussi nel corso del Consiglio comunale di Cisterna. Durante la seduta di oggi, 12 dicembre, c’è stato un vivace scambio di vedute tra i consiglieri Melchionna, Innamorato e Santilli con il sindaco Carturan. 

Molte città italiane, tra cui anche quella di Latina, hanno deciso nelle scorse settimane di conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita, sopravvissuta ai campi di sterminio nazista e che è sotto scorta dopo aver ricevuto ripetute minacce antisemite. 

Un’analoga proposta è stata avanzata a Cisterna dai tre consiglieri di opposizione che, tuttavia, non ha trovato personalmente d’accordo Carturan. “Stanno per partire due pullman con 300 giovani che andranno ad Auschwitz per conoscere la storia dell’olocausto. Possiamo ospitare la senatrice, far ascoltare la sua storia ai cittadini e soprattutto ai giovani ma non credo che il problema dell’odio e dell’antisemitismo si risolva con la cittadinanza onoraria”.

Il primo cittadino si è detto comunque disponibile a firmare un’eventuale mozione e lasciare la decisione al Consiglio comunale.

Gli altri punti discussi

Lo stato in cui versa la sala prove musicali all’interno del Centro Polivalente nel quartiere San Valentino è stato poi discusso durante il Consiglio; è intervenuto l’assessore Ceri informando che si sta provvedendo all’acquisto delle attrezzature musicali e poi potrà entrare in funzione. Altra questione che ha animato l’assise sono state le recenti dichiarazioni del Primo cittadino circa “una insoddisfazione sull’operato della struttura comunale nonostante la sua recente riorganizzazione interna”. In ciò Capuzzo ha ravvisato una “incapacità di gestione organizzativa della struttura comunale e una mancata programmazione dell’azione amministrativa da parte della giunta e della maggioranza comunale”.

Approvati i verbali del Consiglio straordinario sulla Sanità e ritirato il punto riguardante il riconoscimento del debito fuori bilancio a causa dell’assenza del parere dei Revisori dei Conti, l’assessore al bilancio Di Candilo ha relazionato in merito allo sblocco dei fondi destinati al segretario generale, dirigenti e dipendenti comunali relativi alla produttività riferita all’anno 2017.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento