rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Il caso

Commissioni da remoto, il centrodestra attacca Coletta: "Un componente della maggioranza senza green pass"

Le sedute, inizialmente convocate in presenza, sono state spostate in videoconferenza. Secondo l'opposizione la ragione sta nel fatto che uno dei consiglieri non può presenziare perché senza vaccino

Fatte le commissioni, con le nomine dei componenti e dei presidenti, c'è un nuovo argomento che solleva le critiche del centrodestra: le sedute covnocate in videoconferenza.

"Poche ore fa il sindaco Coletta, nonostante si fosse precedentemente raggiunto un accordo con tutte le parti per svolgere le sedute delle commissioni consiliari in presenza, ha invitato i componenti a riunirsi in modalità di videoconferenza: un intervento che, a sole 48 ore di distanza dalla convocazione dei lavori, ha creato enorme scompiglio tanto tra i presidenti quanto tra i consiglieri comunali". Lo scrivono in una nota i consiglieri comunali di Fratelli d'Italia, Lega e Latina nel cuore.

"Il primo cittadino si è appellato al mantenimento delle condizioni di sicurezza e di tutela della salute in considerazione della diffusione del contagio da Covid-19: una prudenza che ci risulta alquanto improvvisa, dato che dietro il suo appello si nasconde ben altro motivo - sostengono i consiglieri di opposizione - Un componente della maggioranza infatti non può presenziare alle attività delle commissioni poiché, come da lui stesso ammesso in passato, non si è sottoposto al vaccino e di conseguenza risulta sprovvisto di Green Pass rafforzato necessario per recarsi in Comune.Il sindaco, consapevole di ciò, interferisce in ambiti che non gli competono, a tutela dei propri interessi, complicando ulteriormente l'inizio delle attività consiliari. Ancora una volta per senso di responsabilità, e per non mettere in ulteriore difficoltà i presidenti delle commissioni, parteciperemo come stabilito in presenza o in modalità telematica. Tuttavia, così come richiesto da tutti i componenti degli organi consiliari, dopo la settimana entrante si torni a lavorare in presenza. Il sindaco Coletta invece di trovare espedienti per salvaguardare la sua maggioranza, pensi piuttosto a completare la giunta e ad affidare le deleghe; ma soprattutto, in qualità di autorità sanitaria locale, assuma provvedimenti nei confronti di chi non dispone di Green Pass rafforzato e, di conseguenza, è impossibilitato a partecipare ai lavori, uniformandosi all’operato del sindaco di Sezze e sospendendo chi non è provvisto della necessaria certificazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commissioni da remoto, il centrodestra attacca Coletta: "Un componente della maggioranza senza green pass"

LatinaToday è in caricamento