Coronavirus, Simeone: "D'Amato renda note tutte le iniziative per fronteggiare l'emergenza covid"

L'intervento del presidente della commissione regionale Sanità che chiede maggiore trasparenza

“Occorre avere rispetto per i ruoli e le istituzioni. L’assessore D’Amato farebbe bene a rendere note in commissione Sanità tutte le iniziative che l’amministrazione regionale del Lazio mette in campo per fronteggiare l’emergenza Covid, in particolare modo in un periodo come questo particolarmente delicato, caratterizzato dalla ripresa delle attività lavorative dopo la pausa estiva e dalla riapertura delle scuole". A dichiararlo è il presidente della commissione regionale Sanità Giuseppe Simeone (FI), che segnala come spesso si venga a conoscenza di accordi, intese e protocolli solo attraverso gli organi di informazione. "E' il caso - spiega - del protocollo Regione-Fimmg sulla possibilità di effettuare i tamponi presso gli studi dei medici di famiglia, seppur in via sperimentale, a partire da questo mese di settembre, stando a quanto riportato da articoli di stampa. Sarebbe opportuno che tutti gli aspetti legati all’emergenza sanitaria venissero quindi divulgati dall’assessore nella sede consiliare preposta. Allo stesso modo consiglio l’assessore D’Amato di avviare il tavolo di confronto con i privati sempre sul terreno dei tamponi in modo più diplomatico, cercando di privilegiare il dialogo e non lo scontro, come purtroppo devo registrare dalle agenzie stampa di questa mattina. Leggo di dichiarazioni bellicose sulla querelle infinita legata al rinnovo del contratto di lavoro della sanità privata, una vicenda che si trascina da oltre un decennio. Innanzitutto vale la pena ricordare che il contratto della sanità privata segue di regola quello della sanità pubblica che è stato rinnovato solamente nel dicembre scorso".

"Chi governa - aggiunge il consigliere pontino Simeone - ha il compito di trovare le soluzioni concrete e dare risposte certe. Vorrei evidenziare che Alessio D’Amato da più di due anni è assessore regionale alla Sanità e nei cinque anni precedenti era il responsabile della Cabina di Regia. Perché non riesce a portare a termine questa vertenza sul rinnovo? Non è lui il responsabile delle politiche sanitarie della Regione Lazio, da circa 7 anni? E cosa c’entra il tema del rinnovo del contratto di lavoro con la richiesta dei privati di effettuare i tamponi per la diagnosi del Covid? Si preferisce forse attuare la politica del ricatto invece di favorire un esito positivo della vicenda? All’assessore D’Amato chiedo trasparenza con la commissione Sanità ed una maggiore sensibilità nei rapporti con i privati. Dialogo e ascolto a mio avviso sono indispensabili in una fase critica come quella attuale”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Arma dei Carabinieri, 28 Marescialli della provincia promossi al grado di Luogotenente

Torna su
LatinaToday è in caricamento