rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Politica

Coronavirus, Trano: “Monoclonali poco impiegati”. Interrogazione al ministro Speranza

L’intervento del deputato pontino: “L’Italia ha ignorato quei farmaci che venivano prodotti proprio da un'azienda italiana, la Bsp di Latina Scalo. Ho chiesto risposte chiare al ministro della Salute”

"Mentre con la seconda ondata del Covid in diversi Paesi, partendo dagli Usa, venivano utilizzati in maniera massiccia i monoclonali, l'Italia ha ignorato quei farmaci che venivano prodotti proprio da un'azienda italiana, la Bsp di Latina Scalo. E come se non bastasse sempre l'Italia li ha anche rifiutati quando la Eli Lilly, la multinazionale per conto di cui produce la società farmaceutica pontina, li ha proposti gratuitamente, salvo poi acquistarli a prezzo pieno, vicenda quest'ultima oggetto di un'indagine della Corte dei Conti. Non mi rassegno a non avere risposte a simili scelte”: a parlare è il deputato pontino de L'Alternativa C’è e membro della Commissione bilancio alla Camera, Raffaele Trano.

“Il ministro della Salute Roberto Speranza deve dare delle spiegazioni e a tal fine ho presentato un'interrogazione - spiega Trano. Ma non è tutto. I monoclonali, anche una volta approvati, sono stati infatti impiegati poco e con criteri poco chiari. Nel report dell'Aifa di ottobre si parla di appena 12.016 prescrizioni. In base a quanto si apprende dalla stampa, oltre 60mila fiale di monoclonali, corrispondenti ad almeno 30mila trattamenti, sono inoltre in scadenza, rischiando di finire nella spazzatura, con uno sperpero notevole di denaro pubblico e senza che quei medicinali possano essere impiegati per evitare i ricoveri di quanti vengono colpiti dal Covid. Tanto che l'Italia li ha anche regalati alla Romania.

La curva dei contagi sta tornando a salire - ha poi concluso il deputato pontino - è non si può tollerare un tale modo di agire. Attendo una risposta dal ministro Speranza e mi auguro che sia tale da dissipare i troppi dubbi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Trano: “Monoclonali poco impiegati”. Interrogazione al ministro Speranza

LatinaToday è in caricamento