Lunedì, 15 Luglio 2024
Politica

Celentano su Latina Ambiente: “Ci costituiremo parte civile”. Ancora in stand by le dimissioni di Mignano

La sindaca conferma “la massima fiducia e stima per il contributo dato all’amministrazione” dal consulente. Sulle sue dimissioni ancora non ha deciso mentre c’è una certezza sul processo per il fallimento della Latina Ambente

Una certezza e un dubbio in piazza del Popolo: il Comune di Latina si costituirà parte civile nel processo per il fallimento della Latina Ambiente, mentre la sindaca Matilde Celentano non ha ancora deciso se accettare o meno le dimissioni che nei giorni scorsi sono state presentate da Giacomo Mignano.

Due lati della stessa medaglia, due delicate questioni che negli ultimi giorni hanno tenuto impegnata la prima cittadina. Le dimissioni lo ricordiamo sono state presentate dal professionista quasi in coincidenza con l’udienza preliminare in programma per oggi - e poi rinviata a causa dello sciopero  delle camere penali - in un procedimento, quello per il fallimento della Latina Ambiente, che vede proprio lo stesso Mignano, consulente giuridico a titolo gratuito della sindaca Matilde Celentano, tra gli indagati insieme ad altre 25 persone che hanno ricoperto incarichi all'interno della società partecipata e che sono chiamati a rispondere di bancarotta fraudolenta. 

L’avvocato Mignano ha parlato di una “questione di opportunità nonostante non ci sia incompatibilità” in riferimento alla sua decisione di rassegnare le proprie dimissioni. Al momento la prima cittadina, da noi interpellata, non ha ancora deciso se accettarle o meno e si è presa ancora qualche altro giorno prima di decidere. 

Un dubbio certo non semplice da sciogliere per Celentano. Ma intanto una certezza c’è ed è, come detto, quella invece di procedere con la costituzione di parte civile nel processo, dando quindi seguito alla delibera dell’allora commissario prefettizio del Comune di Latina, Carmine Valente, e nonostante il parere fornito dal professore Federico Pernazza secondo il quale la costituzione nel procedimento penale poteva anche essere evitata per far valere eventuali rivendicazioni del Comune in sede di Corte dei Conti. 

“Il Comune di Latina si costituirà parte civile al processo relativo al fallimento della Latina Ambiente” ha quindi chiarito la stessa sindaca Celentano che si è espressa anche sulla posizione di Giacomo Mignano. “Nei confronti dell’avvocato nutro la massima fiducia e stima per il contributo dato all’amministrazione e, rispetto alle sue dimissioni presentate nei giorni scorsi, sto valutando il da farsi e se accettarle”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Celentano su Latina Ambiente: “Ci costituiremo parte civile”. Ancora in stand by le dimissioni di Mignano
LatinaToday è in caricamento