Politica Centro / Piazza del Popolo

Crisi in Comune, martedì il Consiglio dopo le dimissioni (ritirate) del sindaco

Si terrà martedì 18 novembre il Consiglio richiesta dopo le dimissioni - poi ritirate - del sindaco Di Giorgi -. Ma Forza Italia e Fratelli D'Italia annunciano: "Noi non saremo presenti alla seduta: è inutile e strumentale"

Inizia un’altra settimana delicata per il futuro dell’amministrazione comunale del capoluogo pontino. Per domani mattina, martedì 18 novembre, è stato convocato il Consiglio comunale richiesto dopo le dimissioni - poi ritirate - del sindaco di Latina Di Giorgi.

Un Consiglio a cui i gruppi consiliari di Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno annunciato di non partecipare. “La richiesta da parte del PD di procedere alla convocazione del Consiglio comunale per martedì prossimo è inutile e strumentale - spiegano in una nota -.

Si tratta, infatti, di una richiesta avanzata subito dopo la presentazione delle dimissioni da parte del sindaco Giovanni Di Giorgi, lo scorso 23 ottobre, una condizione superata dal fatto che lo stesso sindaco ha ritirato le dimissioni annunciando di chiedere la convocazione di un Consiglio comunale in cui spiegherà le ragioni delle sue scelte e chiederà all’aula la fiducia. Dunque il Consiglio di martedì voluto dal Pd appare inutile e superato nelle motivazioni e configura anche una mancanza di rispetto istituzionale nei confronti del sindaco Di Giorgi, che pure ha dimostrato totale disponibilità a portare la crisi in Consiglio comunale, chiedendo egli stesso la riunione della massima assise.

Ribadiamo che il sindaco chiederà la convocazione del Consiglio comunale da tenersi entro la fine del mese di novembre e non si fa di certo dettare l’agenda dal Pd e dal suo modo di agire strumentale. Per queste motivazioni - conclude la nota - i gruppi consiliari di Forza Italia e Fratelli d’Italia-An comunicano che non saranno presenti alla seduta del Consiglio comunale del 18 novembre”.  

“Mentre la maggioranza pensava di andare in Consiglio comunale a fine mese, per avere ancora dei giorni per le trattative private sulle poltrone da distribuire ai rispettivi partiti – aveva dichiarato il capogruppo del Pd Alessandro Cozzolino nei giorni scorsi -, il Partito Democratico ha anticipato tutti chiedendo un appuntamento immediato. Vista la marcia indietro di Di Giorgi, le rassicurazioni avute e questo progetto di città annunciato solo in conferenza e in una lettera alla città, ci aspettiamo che già da martedì arrivi in consiglio comunale con la sua nuova Giunta e con l’agenda politica di questi ultimi due anni di legislatura”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi in Comune, martedì il Consiglio dopo le dimissioni (ritirate) del sindaco

LatinaToday è in caricamento