Elezioni a Latina, ribadisce Coletta: “Al ballottaggio nessun apparentamento”

L'appello al voto di Latina Bene Comune: "Fuori dal Consiglio comunale i vecchi marpioni della politica". Il candidato sindaco: "I cittadini sanno come completare il 'lavoro' avviato al primo turno"

Guardano al ballottaggio del 19 giugno, Latina Bene Comune e il suo candidato sindaco Damiano Coletta, partendo dall’analisi del voto del primo turno.

“Bastano alcuni dati per comprendere la portata della ‘rivoluzione della normalità’ che si compirà se Damiano Coletta dovesse essere eletto sindaco di Latina il prossimo 19 giugno - si legge in una nota di Lbc -. Con lo schieramento di Latina Bene Comune diventeranno consiglieri 18 persone (9 della lista Latina Bene Comune, 5 di Latina Rinasce, 4 di LBC Giovani) al debutto assoluto in Consiglio comunale. Otto di queste, vale a dire poco meno della metà dell’intero gruppo consiliare, saranno donne tra cui una (Valeria Campagna) soltanto ad agosto compirà 19 anni: persone dotate di competenze nel proprio settore professionale, in ambito studentesco e nel mondo del volontariato.

In caso contrario - prosegue la nota -, torneranno a sedere in Consiglio “vecchi marpioni” della politica che con i propri interessi personali hanno costruito il potere politico. Buona parte sono dipendenti delle diverse  amministrazioni pubbliche, dello stesso Comune di Latina e di aziende partecipate. Personaggi abituati a fare un uso personalistico della politica. 

Da anni, qualcuno da decenni, seduti su quelle poltrone che non vorrebbero mai abbandonare perché incapaci di fare altro. L’abuso dell’aggettivo ‘nuovo’ si commenta da sé, un’offesa verso chi ogni giorno ha visione – basta volere guardare – dei danni e dei misfatti compiuti da chi oggi cerca di attribuirsi una verginità posticcia”.

“L’analisi dei dati elettorali dimostra che le sacche di potere personale sono ancora consistenti, ma a ben vedere risultano ormai significativamente circoscritte. I cittadini hanno ribadito la necessità di un cambiamento e il segnale viene pure da quegli elettori, oltre un migliaio, che pur votando liste di riferimento del centrodestra, hanno voluto esprimere il proprio gradimento e la propria fiducia a Damiano Coletta e non a Nicola Calandrini”. 

Poi uno sguardo alla partita da giocare il 19 giugno. “Ora è necessario ‘completare il lavoro’ con il contributo di ognuno, anche di coloro che non si sono recati al voto al primo turno - afferma Coletta –. Il movimento Latina Bene Comune è fiducioso che il prossimo 19 giugno tutti i cittadini di Latina, così come ha già fatto al primo turno oltre il 22% degli elettori, sapranno valutare attentamente tutte queste differenze avviando la nuova bonifica della nostra città” prosegue il candidato sindaco che torna a ribadire l’esclusione di qualsiasi ipotesi di apparentamento in vista del ballottaggio.

«Il movimento Latina Bene Comune è apartitico e in quanto tale non farà apparentamenti con nessuno. Tale decisione, coerentemente con la linea tenuta per tutta la campagna elettorale, sarà ratificata nell’assemblea di giovedì prossimo. Il nostro obiettivo è e rimane il bene comune, pertanto, e lo sottolineiamo per chiarire la posizione rispetto ad alcune dichiarazioni di leader ed esponenti di altre formazioni, qualsiasi sostegno arriverà a favore del bene comune sarà bene accetto” conclude Coletta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

  • Tamponi in farmacia, dove farli a Latina e provincia. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
LatinaToday è in caricamento