Elezioni, Flavio Tosi a Latina. Chiarato candidato a sindaco di Fare!

Massiccia la presenza ieri all’incontro al ristorante Il Ritrovo con il sindaco di Verona e segretario di Fare con Flavio Tosi. Lanciata anche la candidatura a sindaco della nascente coalizione di Gianni Chiarato

Anche il movimento “Fare con Flavio Tosi” si prepara alla corsa verso le elezioni comunali della prossima primavera. E grande è stata la risposta dei cittadini ieri sera presso il locale “Il Ritrovo” per l’incontro con il sindaco di Verona e segretario di Fare!, Flavio Tosi.

Oltre 500 erano persone presenti alla serata con il primo cittadino scaligero che ha illustrato "il modello Verona”: riduzione della pressione fiscale, lavoro, turismo e controllo dell’immigrazione, i temi caldi affrontati.

”Verona - ha sottolineato Tosi - è la quarta città italiana con le tasse locali più basse. Anche Latina è in testa a questa graduatoria, ma purtroppo al contrario. La città ha bisogno di un cambio di marcia. Per quanto riguarda l’occupazione - ha aggiunto  il segretario di Fare! - bisogna dare impulso all'economia locale con progetti seri e concreti. È fondamentale creare le condizioni affinché gli imprenditori decidano di investire nel territorio, è fondamentale e qui ci sarebbero tutte le potenzialità. A Verona la disoccupazione è inferiore al 5%: come evidenziato dal Corriere della Sera pochi giorni fa, stiamo meglio della Germania e degli Stati Uniti".

Sull'emergenza profughi Tosi ha spiegato che a Verona "chi viene accolto svolge lavori socialmente utili per 'sdebitarsi' con la comunità che lo accoglie: così diminuiscono pure le tensioni sociali".

La parola è poi passata ad Alberto Panzarini, coordinatore provinciale di Fare! con Flavio Tosi che ha sottolineato come “l’inadeguatezza delle amministrazioni locali, (Regione compresa) che si sono succedute negli ultimi vent’anni che hanno affossato il settore industriale, non valorizzato l’agricoltura e mai dato il giusto impulso per far decollare il turismo".

L’accento è stato poi posto sulle politiche ambientali che per il capoluogo pontino “debbono prevedere la chiusura definitiva della discarica di borgo Montello e un trasparente processo di dismissione della centrale nucleare di borgo Sabotino che escluda qualsiasi ipotesi di deposito di scorie nucleari provenienti da altri siti e comunque con un monitoraggio sistematico e ‘pubblico’”.

Infine è stata lanciata la candidatura a sindaco della nascente coalizione di Gianni Chiarato, che ha focalizzato il suo intervento sulla tutela delle fasce deboli, sulla centralità della famiglia che "deve tornare a essere l'asse portante della società, su una politica concreta del lavoro" e ha annunciato che la squadra degli assessori verrà ufficializzata prima del voto: "Noi diciamo basta ai soliti giochetti di partito. Siamo per la trasparenza più totale".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

Torna su
LatinaToday è in caricamento