Elezioni 2016, nervi sempre più tesi nel centrodestra in vista delle primarie di marzo

Da un lato Forza Italia, dall'altra Fratelli d'Italia e Nuovo Centrodestra: sembra profonda la spaccatura all'interno dell'alleanza nata in vista delle prossime elezioni amministrative

C’è sempre più tensione all’interno del centrodestra di Latina che si prepara alle primarie del 13 marzo prossimo. E proprio alcune regole per le primarie hanno creato una nuova frattura nell’alleanza nata tra Forza Italia, Fratelli d’Italia e Nuovo Centrodestra in vista delle prossime elezioni amministrative.

Da un lato c’è Forza Italia, con Alessandro Calvi, che chiede di far firmare agli elettori una dichiarazione nella quale dicano di non aver partecipato alle primarie del Pd di novembre. Una richiesta non vista di buon grado da FdI e Ncd come hanno spiegato i due segretari, e candidati alle primarie, Nicola Calandrini ed Enrico Tiero in una nota.

“Se si fa un camino insieme lo si fa convinti della meta che, per noi, è quella di vincere le elezioni amministrative del prossimo giugno. Se si fa un percorso per dimostrare altro, durante il viaggio, noi non siamo interessati” scrivono Calandrini e Tiero.

Se gli amici di Forza Italia hanno problemi al loro interno, crediamo sia coerente, per loro, risolverli nel proprio ambito: il partito di Forza Italia. Noi siamo altro da quel partito, alleati si, ma solo questo. Abbiamo definito, insieme con Forza Italia e prima di firmare il nostro reciproco impegno davanti alla Città, finalità, metodi e regole delle primarie, lasciando ad ognuno i tempi necessari per confrontarsi al proprio interno. Tutti sono padroni di ripensare, di rivedere e, anche, di contraddirsi, ma non è ammissibile scaricare su altri debolezze e incertezze proprie”.

Noi abbiamo sostenuto le primarie e le faremo, sono per noi un percorso irreversibile - proseguono i due candidati di FdI e Ncd -. Se, poi, qualcuno vuole tirarsi indietro è una sua libera scelta e responsabilità. La nostra responsabilità è quella di dare ai cittadini di Latina la possibilità di votare un sindaco ed una coalizione coerente con la sua storia ed il suo profondo sentire, offrendo un profondo e tangibile segnale di cambiamento agli elettori”.

“Oggi la città è a rischio di derive populistico-rivendicative alla cinque stelle o di vendette ideologiche di una sinistra che è regredita su posizioni velleitarie. Se Forza Italia, ritiene di non sentirsi questa responsabilità politica e morale, è un problema che riguarda la sua dirigenza politica. Noi terremo la barra ferma, comunque - vanno avanti Calandrini e Tiero -. Siamo convinti di avere il dovere di vincere. Siamo stati chiari e leali nel percorso che ha portato a decidere, tutti insieme, le primarie nella definizioni di regole da tutti condivise, e riteniamo che i problemi non siano in questo, se alla base del discorso c'è la buona fede di tutti.

Non entriamo nel dibattito interno di Forza Italia, ma certamente è nostro dovere rispondere a considerazioni che rischiano di sconcertare il nostro elettorato. Noi, dopo averle decise insieme, stiamo lavorando per arrivare a realizzare le primarie. Siamo certi che gli amici di Forza Italia saranno lealmente nella partita” conlcudono.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, contagi in risalita: 180 casi e ancora quattro decessi in provincia

  • Coronavirus Latina, altri 231 contagi. Ma non c'è alcun decesso nelle ultime 24 ore

Torna su
LatinaToday è in caricamento