Elezioni Comunali 2016, la proposta delle "primarie civiche"

L’idea arriva da Massimo De Simone del Comitato Bugia blu in vista delle elezioni amministrative della prossima primavera: “Formare tra le liste vere un’unica coalizione, ‘polo civico’, poi scegliere un candidato sindaco con le ‘primarie civiche’”

Formare una un’ unica coalizione, un vero e proprio “polo civico” e magari arrivare a scegliere un unico candidato a sindaco con delle “primarie civiche”. E’ questa la proposta che arriva da Massimo De Simone del Comitato Bugia Blu in vista delle prossime elezioni amministrative che in primavera si terranno anche a Latina.

Un’idea figlia delle tante liste civiche che si formano in questo periodo pronte a concorrere anche loro per le consultazioni comunali.

“Ancora una volta, tra qualche mese, saremo chiamati alle urne dopo la caduta di una giunta politica di destra - scrive De Simone in una nota -. Una amministrazione scialba e inconcludente, che mai come in passato si è vista raggiunta da una moltitudini di inchieste ed è caduta sotto il peso di se stessa. Nel frattempo, tranne qualche eccezione, l’opposizione di sinistra sonnecchiava in un profondo e prolungato letargo, sostituita sovente nel proprio onere di controllo e denuncia da associazioni e comitati di cittadini, quando non scavalcata dalla magistratura.

Mai come in questo momento si sente il bisogno di un cambiamento deciso all’interno di quelle stanze comunali ammalorate per anni. D’altra parte assistiamo ad oggi a un periodo di eccezionale fermento associativo con un proliferare di presunte liste civiche”.

“Per non vanificare lavoro e aspettative - prosegue De Simone - c’è la necessità di formare tra le liste vere un’unica coalizione, un vero e proprio ‘polo civico’, che raccolga le singole energie e concentri i voti verso un unico riferimento, avendo l’accortezza di escludere quelle che rappresentano un camuffamento della vecchia politica dovuto ai tempi che corrono”.

Cosa fare poi? “Dopo aver condiviso delle linee programmatiche comuni, si tratterà quindi di scegliere un unico candidato a sindaco e farsi conoscere dai cittadini. Come? Magari con le “primarie civiche”. Una chiamata alle urne di tutti i cittadini di Latina, e non solo i soci delle realtà associative costituenti il polo, ad esprimersi su una rosa di canditati.

Una strada utilissima da percorrere con evidenti risvolti positivi in termini di democrazia e di visibilità pubblica, che porterebbe ad amalgamare i vari movimenti anche agli occhi dei cittadini per catapultarlo dentro una sorta di utilissima ‘pre-campagna elettorale’”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento