Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

Botta e risposta sui fondi del Pnrr, centrodestra: “Coletta getta fango per mascherare il suo fallimento”

La replica della coalizione che sostiene Matilde Celentano alle amministrative dopo l’intervento di Lbc, M5S, Pd e Per Latina 2032 sui fondi europei

I fondi del Pnrr al centro di un botta e risposta nelle ultime ore tra le due coalizioni, di centrosinistra e di centrodestra, in corsa a Latina alle elezioni amministrative del 14 e 15 maggio. Una scintilla innescata dal gruppo progressista che sostiene la candidatura a sindaco di Damiano Coletta che ha puntato il dito contro l’altra aspirante primo cittadino e tutta la sua coalizione. “Il centrodestra e Matilde Celentano scoprono ora l’importanza dei fondi europei - hanno dichiarato attraverso una nota Lbc, M5S, Pd e Per Latina 2032 -. Vale la pena allora ricordare che non ci fu un voto favorevole al Recovery Fund da parte del partito di Giorgia Meloni, che anzi non ha mai risparmiato aspre critiche nei confronti del Next Generation EU, ormai giudicato un successo e una misura indispensabile per l’Italia”. 

Pronta nel pomeriggio la replica da parte della coalizione a sostegno di Matilde Celentano, composta da Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega, Udc-Dc e dalla lista Celentano Sindaco. “Il candidato del centrosinistra Damiano Coletta è evidentemente in difficoltà nel mascherare 7 anni di totale inefficienza amministrativa e quindi prova a gettare fango sull’avversario. La sua confusione si ripercuote anche nel ricostruire gli avvenimenti del passato, che pure sono limpidi - si legge nella nota di replica -.

Vorremmo ricordare a Damiano Coletta che nel corso della sua ultima consiliatura Latina ha perso ben 4 milioni di euro per quattro scuole di Latina: la Corradini di via Amaseno, la Giuliano di via Cisterna, la Prampolini di Borgo Podgora e la primaria Mazzini di Borgo San Michele. A questa cifra vanno aggiunti 1.7 milioni per lavori di messa in sicurezza ed adeguamento termico di altri tre plessi scolastici della nostra città, per un totale di 6 milioni di euro. Per quanto riguarda la prospettiva dei fondi pubblici come volano per il territorio pontino, vorremmo poi ricordare al candidato del centrosinistra che Matilde Celentano, in un recente incontro pubblico, ha parlato non solo di Pnrr ma soprattutto dei fondi di coesione, che sono altra cosa. Vorremmo infatti spiegare al candidato sindaco del centrosinistra - proseguono le cinque lista -, che una campagna elettorale ha come prospettiva la programmazione futura del territorio. Il Pnrr si basa su progetti già presentati e il Governo Meloni è al lavoro per non perdere neppure un euro di quanto concordato con l’Unione Europea. Sta anzi facendo di più, provando a rimodulare gli accordi con l’Europa, stante una congiuntura economica del tutto cambiata nell’ultimo anno”.

“A Coletta - conclude poi la coalizione di centrodestra - chiediamo quindi di confrontarsi sulle prospettive future per il territorio, di cui il programma di centrosinistra sembra mancare, e non cercare di nascondere la mancanza di idee con ricostruzioni poco credibili che riguardano peraltro il passato. A questo aggiungiamo un dato: Coletta rappresenta un’amministrazione che non ha colto affatto l’opportunità del Pnrr. Stiamo parlando di un piano complessivo da 191 miliardi di euro cui la seconda città del Lazio, dopo la Capitale, beneficerà per importi residuali. Il centrodestra, forte di una filiera di governo concreta e che sta portando risultati immediati per i cittadini sia a livello nazionale che regionale, ha progetti decisamente più importanti per questa città”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botta e risposta sui fondi del Pnrr, centrodestra: “Coletta getta fango per mascherare il suo fallimento”
LatinaToday è in caricamento