Mercoledì, 17 Luglio 2024
Verso il voto

Elezioni a Latina, dai borghi al quartiere delle “vele”: i candidati sindaco incontrano i cittadini

I due aspiranti primo cittadino Matilde Celentano e Damiano Coletta stanno organizzando in questi giorni momenti di confronto direttamente con i residenti delle diverse zone della città

Una campagna elettorale che entrambi i candidati sindaco a Latina, Matilde Celentano e Damiano Coletta, hanno deciso di vivere tra la gente, organizzando incontri con i cittadini e momenti di confronto diretti con i residenti delle diverse zone della città. 

La partita in vista delle elezioni amministrative del 14 e 15 maggio le due coalizioni di centrodestra e centrosinistra hanno deciso di giocarla anche così. 

Matilde Celentano ne borghi 

E Matilde Celentano in questi giorni è stata impegnata in una serie di incontri con i residenti dei borghi di Latina. Accompagnata dai candidati consiglieri comunali è stata a Borgo San Michele, Borgo Carso, Borgo Sabotino, Borgo Santa Maria e nella località Quartaccio. Nei prossimi giorni la candidata primo cittadino del centrodestra è attesa a Borgo Faiti, a Borgo Grappe, a Borgo Montello, a Borgo Podgora, a Borgo Isonzo e a Borgo Bainsizza. “Sono stati incontri proficui e costruttivi - ha commentato la candidata siano del centrodestra -. I residenti mi hanno illustrato la situazione in cui versano i borghi, che negli ultimi anni di amministrazione sono stati dimenticati. Chi abita queste zone avrebbe bisogno solamente di ordinaria amministrazione: strade praticabili, sicurezza, pulizia. Come già ho avuto modo di notare e sottolineare quando ricoprivo il ruolo di consigliera comunale, è necessario che i borghi tornino al centro dell’attenzione e che sia eliminato il divario che c’è con il centro città. Questo può diventare possibile anche grazie ai consiglieri comunali che possono fare da tramite per rappresentare le esigenze delle varie zone di Latina. Per noi la città sono i borghi, i borghi sono la città”.

Oltre a incontrare i residenti Celentano ha avuto modo di conoscere i commercianti e di visitare le aziende del territorio. Matilde Celentano e la coalizione di centrodestra intendono puntare molto alla valorizzazione e allo sviluppo dei borghi e tra le iniziative che vorranno mettere in campo in caso di vittoria alle elezioni ci sono l’istituzione di luoghi di aggregazione, spazi attrezzati per parchi gioco e attività culturali e ricreative, la “Consulta dei borghi” come nuovo modello partecipativo e l’istituzione di un delegato ai Borghi a garanzia della più ampia partecipazione alle decisioni che riguardano il territorio. 

Coletta e il progetto “A Gonfie Vele”

Il candidato sindaco del centrosinistra Damiano Coletta ieri pomeriggio ha incontrato invece l’associazione Quartieri connessi nel parco di via Cherubini in Q4, insieme al presidente dell’Ater Marco Fioravante per fare il punto sul progetto “A Gonfie Vele”, finanziato per 17 milioni di euro nell’ambito del programma “Qualità dell’abitare”, con fondi del Pnrr. Un progetto che cambierà radicalmente il volto del quartiere dove si trovano i palazzoni delle “vele” e lo stabile abbandonato dell’ex Icos, tra viale Le Corbusier e via Pierluigi Nervi, nato da Ater e Comune di Latina, in qualità rispettivamente di soggetto proponente e soggetto attuatore.

“Tutto ciò che oggi comincia a germogliare nella città è stato seminato nella passata amministrazione – dichiara Coletta – Nel 2021 presentammo per la prima volta questo ambizioso programma che ci ha visto lavorare accanto all’Ater per offrire alla città un’occasione di rilancio importante sotto molti punti di vista. Voglio ricordare infatti che questa non è solo la riqualificazione di un quartiere sul piano edilizio, con l’abbattimento dello scheletro di un edificio che da decenni rappresenta il biglietto da visita della città per chi percorre quel tratto della Pontina, ma è soprattutto un piano di rigenerazione urbana che risponde ai valori su cui da sempre, come amministrazione, abbiamo puntato e continueremo a puntare in futuro: inclusione sociale e sostenibilità ambientale. E’ un progetto dunque che risponde all’esigenza dei cittadini di riappropriarsi di spazi pubblici e servizi, che ridisegna nuovi modelli dell’abitare e al contempo costruisce connessioni con altre zone della città, attraverso spazi verdi e di socializzazione, servizi, piste ciclo-pedonali, centri sociali, luoghi di cultura, presidi di sicurezza. Con questo progetto Latina pensa in grande: tra la ricostruzione dell’ex Icos e gli interventi sui lotti interessati, l’operazione di rigenerazione riguarderà 13mila mq di superficie. Ora il progetto arriva a definizione, con un nuovo bando di gara per l’aggiudicazione dei lavori. A tutto questo – spiega ancora il candidato sindaco – si aggiungono gli interventi programmati, sempre con l’Ater, sul quartiere Nicolosi e quelli che invece riguardano il Parco Falcone e Borsellino e gli impianti sportivi dei quartieri Q4 e Q5”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Latina, dai borghi al quartiere delle “vele”: i candidati sindaco incontrano i cittadini
LatinaToday è in caricamento