Politica

Elezioni, il candidato del M5S balla con Spada: scoppia la polemica

Emanuele Dessì è candidato al proporzionale nel collegio di Latina. Duro attacco del consigliere Pd Patanè e del senatore Moscardelli. Il candidato replica

Il caso è scoppiato dopo la denuncia su Facebook del consigliere regionale Eugenio Patanè, che aveva segnalato una vicinanza tra il candidato del Senato per il Movimento 5 Stelle nel collegio di Latina Emanuele Dessì e Domenico Spada, esponente dell’omonima famiglia criminale, pugile amico dei Casamonica, condannato per usura ed estorsione. In un video i due vengono immortalati mentre ballano. Immediatamente si è scatenata la polemica. Dopo il video è stato anche ripescato un post pubblicato da Dessì su Facebook in cui si vanta di aver picchiato un ragazzo rumeno: “Per la terza volta in vita mia ho dovuto menare un ragazzo rumeno a seguito di offese gratuite nella sua lingua madre”.

Il commento di Moscardelli

Sul caso è intervenuto anche il senatore del Pd Claudio Moscardelli: “Il candidato dei 5 stelle si propone così ai cittadini della provincia di Latina e degli altri territori che si candida a rappresentare ? In provincia di Latina dopo anni di crescita della criminalità organizzata c’è stata una chiara inversione di tendenza . Come commissione Antimafia abbiamo ripercorso in un’iniziativa a Latina del mese scorso insieme alla collega Senatrice Capacchione le tappe dell’impegno dell’Antimafia e delle forze dell’ordine per colpire e contrastare la criminalità organizzata e in particolare la Camorra al sud pontino, la n’drangheta a Fondi e a Latina e le varie organizzazioni insieme presenti ad Aprilia. A Latina opera il clan Ciarelli - Di Silvio , legato ai Casamonica, anello di congiunzione con il clan Spada. Il candidato dei 5 stelle si mostra come minimo inadeguato e pericoloso per i cittadini nel comportarsi così disinvoltamente. Farebbe bene a ritirare la sua candidatura”.

SPADA E DEL RIO-3

La replica di Dessì su Facebook

Dopo le polemiche divampate ieri, è proprio Dessì a rispondere, sempre attraverso Facebook, ricordando come lo stesso Domenico Spada fosse stato premiato nello stesso periodo da Graziano Del Rio: “Facevo il pugile e insegnavo pugilato, e ovviamente frequentavo le palestre, anche quella in cui si allenava Domenico Spada. Lo stesso che, nello stesso periodo, veniva insignito del 'Collare d'Oro' proprio da un eminente rappresentante del Pd come Graziano Delrio, con tanto di cerimonia e foto che immortalano assieme l'attuale ministro dei Trasporti e Domenico Spada. Poi, dopo l'avvio dell'indagine, avvenuta successivamente, nel 2015, chiaramente non c'è stato più alcun rapporto, neanche sportivo. Il Pd è sceso veramente in basso e si vede che il MoVimento nel Lazio fa paura a Zingaretti e a tutti i suoi accoliti. Non ultimo Patanè che viene citato nelle carte dell'inchiesta di mafia capitale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, il candidato del M5S balla con Spada: scoppia la polemica

LatinaToday è in caricamento