rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
L'incontro

"Latina e Frosinone due province in evoluzione": convegno della Cisl con i candidati alla presidenza della Regione Lazio

L'incontro, presentato oggi, è in programma il 20 gennaio a Cassino. Il segretario della Cisl Latina Roberto Cecere: "Serve una maggiore autonomia amministrativa"

“Latina e Frosinone, due province in evoluzione” è il titolo del convegno organizzato dalla Cisl in programma il 20 gennaio alle 15:30 a Cassino, presso Hotel Edra Palace, presentato oggi nel corso di un incontro che si è tenuto al Circolo cittadino di Latina. All’evento parteciperanno i candidati alla presidenza della Regione Lazio ovvero Alessio D’Amato, Francesco Rocca, Donatella Bianchi, Rosa Rinaldi, Sonia Pecorilli e Fabrizio Pignalberi. "Sono i primi passi per condividere una visione strategica di due province che non solo hanno molte cose in comune, ma rischiano di non evolversi a causa di un accentramento amministrativo regionale che guarda ormai solo a Roma", spiega la Cisl.

Al centro ci sono le gravi emergenze che hanno caratterizzato gli ultimi tre anni, dalla pandemia Covid alle tensioni geopolitiche fino all'inflazione e alla crisi energetica, condzioni che hanno fatto emergere tutta la fragilità del tessuto economico e sociale della regione Lazio. "E’ chiaro ormai che il modello attuale centralizzato non riesce a soddisfare le esigenze capillari dei territori - spiegano gli organizzatori - pertanto occorre ricreare una relazione organica fra sistema centralizzato e territoriale. La riforma costituzionale del 20 agosto 2013, relativa alle Province ha lasciato di fatto a quest’ultime poche funzioni fondamentali, lasciando al governo Regionale il compito di riassegnarle agli enti locali. Le sfide imminenti e quelle a lungo respiro sono tante, come ad esempio le Infrastrutture, la sanità, le politiche attive del lavoro, la digitalizzazione e l’ambiente, tematiche che devono trovare una funzionalità di livello e di qualità".

"Occorre avere il coraggio di formulare una visione nuova - commenta il segretario provinciale del sindacato Roberto Cecere - che vada nella direzione di rendere i territori il più possibile autonomi dal punto di vista amministrativo, capaci di coordinarsi in tempi rapidi ed efficienti, affinché le loro sfide  vengano vinte senza ritardi burocratici. La riassegnazione delle funzioni strategiche alle Province con competenze forti per andare ad una completa autonomia dalla Regione, con Roma Capitale che diventi effettivamente autonoma dalla stessa, per liberare competenze e risorse amministrative adeguate al nostro territorio e il ritorno del sistema di voto diretto ai cittadini per la nomina della giunta provinciale, sarebbe la via più giusta per rafforzare democrazia, sviluppo e coesione”.  "Latina e Frosinone hanno insieme una importanza strategica - aggiunge il segretario della Cisl di Frosinone, Enrico Capuano - In questi anni di pandemia, le due province sono state accomunate da ritardi strutturali con soluzioni che vengono completamente posticipate, per questo occorre stare insieme per dare risposte concrete ed immediate, affinché la crisi profonda che attanaglia il nostro territorio venga definitivamente sconfitta.” Crediamo che il futuro Presidente della Regione Lazio abbia il compito di mettersi in ascolto per delineare interventi urgenti ed incisivi che rendano effettivamente autonome le realtà locali, lasciando a quest’ultime la responsabilità di cogliere le tante opportunità e di gestire in un modello partecipato il proprio sviluppo e le proprie funzionalità".   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Latina e Frosinone due province in evoluzione": convegno della Cisl con i candidati alla presidenza della Regione Lazio

LatinaToday è in caricamento