rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Verso il voto

Elezioni regionali 2023, Confcommercio incontra i candidati alla presidenza

L'associazione ha consegnato un documento programmatico a Bianchi, D'Amato e Rocca

La Confcommercio Lazio guarda al futuro della Regione Lazio, nell'ottica di dialogare con il mondo politico sulle priorità da affrontare. In quest’ottica, nella giornata di oggi, 16 gennaio, nella sede confederale di Piazza Belli, la Confcommercio Lazio ha incontrato tre dei candidati alla presidenza alle prossime elezioni del 12 e 13 febbraio. Il presidente Giovanni Acampora, il commissario di Roma,Pier Andrea Chevallard e il presidente di Confcommercio Lazio Nord Leonardo Tosti hanno dunque avviato un dialogo con i candidati alla presidenza Alessio D’Amato, Francesco Rocca e Donatella Bianchi.

“Una Regione a misura d’Imprese” era il titolo del documento programmatico contenente le proposte di Confcommercio Lazio che è stato consegnato ai candidati. “Purtroppo stiamo vivendo una congiuntura estremamente complessa che si presenta piena di incertezze e che impone una grande attenzione nel definire misure urgenti per garantire il sostegno alle imprese messe a dura prova dal doppio shock della pandemia e del conflitto russo-ucraino - ha esordito Acampora rivolgendosi ai candidati - Sappiamo bene che il governo di un territorio come il Lazio è una sfida e per affrontarla è necessario un confronto costante e un dialogo aperto con i territori e su questo confermo la nostra disponibilità. La nostra associazione, che vanta un’ampia rappresentatività del terziario nel Lazio, rappresenta una sponda irrinunciabile per instaurare un dialogo con il mondo delle imprese, protagonista nel produrre la ricchezza della nostra regione e nel creare occupazione e tenuta sociale, e che chiede di essere messo nella condizione di fare di più e meglio".

"Le nostre intenzioni - aggiunge ancora il presidente - sono di instaurare da subito una condivisione sulle priorità dell’agenda regionale, con l’obiettivo di un impiego efficiente delle risorse regionali sulla base di strategie di medio periodo, da definire in stretto coordinamento con i territori. E su questo, lo voglio sottolineare, anche le Camere di Commercio rappresentano una valida cerniera tra Istituzioni e imprese, per una governance di prossimità e per qualificare una relazione pubblico-privato in cui l’Istituzione deve essere un partner che possa condividere le proposte, discuterle e sostenerle. In estrema sintesi, le nostre proposte, che sono descritte puntualmente nel documento da noi realizzato, spaziano su più tematiche". Fra i temi più importanti nell'agenda politica ci sono sicuramente le infrastrutture, prima fra tutte la Roma- Latina, la cui carenza rappresenta sempre un nodo irrisolto che incide sulla competitività. Ma anche il commercio e le reti di impresa, la sicurezza e il contrasto all’illegalità che rappresenta un limite alla crescita e allo sviluppo di un territorio; la formazione e il ruolo dei Cat; l'economia del mare e il turismo; la sanità e, non ultima, la cultura.

Positivo il riscontro da parte dei candidati alla presidenza della Regione. D’Amato, Rocca e Bianchi hanno accolto con favore le proposte avanzate dalla Confcommercio del Lazio e molti dei punti inseriti nel documento programmatico hanno trovato riscontro nei programmi elettorali. I tre candidati si sono detti pronti e propensi ad un dialogo costante con il panorama regionale delle imprese, per risolvere le principali criticità che gravano sul comparto produttivo. L’incontro è stato anche l’occasione per un confronto con le rappresentanze dei sindacati delle diverse categorie di Confcommercio Lazio che hanno illustrato ai candidati le loro priorità chiedendo risposte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni regionali 2023, Confcommercio incontra i candidati alla presidenza

LatinaToday è in caricamento