rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Regionali Lazio 2013

La proposta di Forte (Pd): “Imprese e istituzioni unite per superare la crisi”

Il Candidato al Consiglio regionale prospetta un'ipotesi di rilancio dell'economia basata su un modello di sviluppo basato ricerca, innovazione e eccellenze di cui la provincia dispone

Candidato al Consiglio regionale per il Pd alle prossime elezioni del 24 e 25 febbraio, Enrico Forte propone e prospetta un’ipotesi di rilancio del sistema economico pontino che veda insieme imprese e istituzioni locali in una partnership il cui obiettivo sia la valorizzazione del capitale umano e delle risorse esistenti per la creazione di una imprenditorialità innovativa.

“Il drammatico livello della crisi economica e occupazionale è un grido d’allarme ricorrente al quale chi si candida a rappresentare il territorio deve dare risposte immaginando un nuovo modello di sviluppo basato sulla ricerca, l’innovazione e le eccellenze di cui la provincia dispone” ha commentato Forte.

“In un contesto di mercato aperto e competizione globale – spiega – i parametri sono cambiati radicalmente: adesso sono i sistemi a competere e non più le singole imprese. Questo ci obbliga a valorizzare le energie e i talenti per affrontare le nuove sfide del mercato. Affinché il nostro tessuto economico e sociale diventi un ambiente favorevole per generare imprenditorialità innovativa il sistema deve essere in grado di fornire risposte e soluzioni nuove. L’operazione di svecchiamento del sistema economico si attua innanzitutto attraverso l’alta formazione, elemento che in provincia di Latina presenta enormi criticità per la distanza tra luoghi di ricerca, università e luoghi di produzione. Un gap questo che si traduce nel sottoutilizzo del potenziale esistente. Manca in effetti un canale di collegamento tra laboratori universitari ne sistemi imprenditoriali”.

Enrico Forte sottolinea inoltre la necessità per il territorio pontino di disporre di infrastrutture all’altezza della sfida e di servizi di qualità da parte della pubblica amministrazione, elementi che renderebbero la nostra provincia più attrattiva per investimenti esterni.

“Finita l’era dell’industrializzazione oggi serve un modello di sviluppo che punti a valorizzare la cultura, l’ambiente il patrimonio storico e archeologico. Tutto ciò – conclude il candidato del Partito Democratico – va messo a sistema rivedendo le modalità di accesso al credito per chi investe, sburocratizzando la macchina amministrativa con l’introduzione della regola delle risposte in tempi certi e tagliando in maniera decisa il numero delle agenzie e degli enti regionali derivati. Ciò che propongo è l’introduzione di tavoli di concertazione tra enti locali e soggetti economici per individuare una strategia comune per superare la crisi coniugando la crescita economia alla tutela del territorio e alla valorizzazione delle eccellenze”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La proposta di Forte (Pd): “Imprese e istituzioni unite per superare la crisi”

LatinaToday è in caricamento