Ex carcere di Santo Stefano, Renzi: “Il progetto c’è”. Franceschini: “Andremo avanti”

Il leader di Italia Viva rilancia dal palco della Leopolda il progetto presentato più di 3 anni fa. Rassicura il ministro per i Beni Culturali: “Qualsiasi difficoltà verrà superata. Proposta a Conte al nomina di un commissario”

Torna al centro dell’attenzione della politica l’ex carcere di Santo Stefano dopo l’appello lanciato nei giorni scorsi anche garante dei detenuti del Lazio Stefano Anastasìa che ha riacceso i riflettori sulla struttura lasciata all'incuria nonostante i progetti di recupero annunciati negli anni scorsi. 

Un rapido botta e risposta ieri tra il leader di Italia Viva Matteo Renzi e il ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini ha visto al centro proprio l'ex carcere sull'isola pontina. 

L'intervento del consigliere Simeone: "Accelerare i tempi"

Dal palco della Leopolda l’ex segretario del Pd ha rilanciato il suo progetto per il recupero dell’ex carcere borbonico presentato dallo stesso Matteo Renzi nel corso di una sua visita a Ventotene nel gennaio 2016 quando era presidente del Consiglio. "A Franceschini e Zingaretti dico: mettemmo 80 milioni di euro per ristrutturare a Ventotene il carcere in cui era stato scritto il manifesto per L'Europa. Volevamo fare di quel luogo una grande scuola, abbiamo scelto di andare alle radici dei nostri valori, dei nostri ideali. Quel progetto è già finanziato, è stato bloccato da chi è venuto dopo di noi: facciamo ripartire il progetto Ventotene, facciamo di quel luogo la casa dell’Europa" ha detto Renzi dal palco della Leopolda. 

Immediata la risposta del ministro Franceschini che nel 2017 insieme all’allora sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Bochi aveva partecipato all’inaugurazione dell’elisuperficie sull’isola di Santo Stefano, considerata proprio la prima tappa del percorso di recupero dell’ex carcere. "Certo che il progetto di Ventotene andrà avanti - ha detto il ministro Franceschini -. Il suo valore simbolico è enorme e qualsiasi difficoltà sarà superata. Purtroppo nell'ultimo anno il percorso si era inspiegabilmente arenato, ma appena ritornato al Ministero ho cercato di capire le difficoltà, ho parlato con il Sindaco, con Zingaretti come presidente della Regione Lazio, con il Ministro Provenzano e quindi ho proposto con una lettera del 17 ottobre al presidente del Consiglio la nomina di un commissario per seguire e accelerare l'iter del progetto già finanziato con 70 milioni di euro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Tamponi in farmacia, dove farli a Latina e provincia. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento