Politica

Festa Democratica, Pd: “Bilancio di una cinque giorni di successo”

Conclusa la V edizione della Festa il partito fa un bilancio; segretario Forte: “Cinque giorni di dibattiti di elevato spessore politico; tanti i protagonisti, e tanti i motivi di approfondimento”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Si è conclusa la quinta edizione della Festa Democratica provinciale, organizzata presso l’Arena Cambellotti in via Pio VI a Latina. Un’edizione che ha fatto segnare una notevole affluenza di persone, con l’intervento di numerosi leader nazionali che hanno fatto il punto sulle prospettive politiche del Partito Democratico, anche in vista delle elezioni del prossimo anno.

Tanti i nomi eccellenti che sono arrivati nel capoluogo pontino: dall’ex segretario nazionale del PD Walter Veltroni al suo successore Dario Franceschini, oggi capogruppo del Partito alla Camera dei Deputati, dall’ex ministro Giuseppe Fioroni, attualmente coordinatore del Forum sul Welfare del PD, al segretario regionale Enrico Gasbarra.

Cinque giorni di dibattiti di elevato spessore politico – esordisce il segretario provinciale Enrico Forte – durante i quali abbiamo avuto modo di confrontarci sui temi di maggiore attualità, come le politiche europee, i provvedimenti allo studio sul piano nazionale, il futuro assetto della Regione Lazio, e soprattutto la questione occupazionale, per la quale abbiamo beneficiato del prezioso contributo del segretario generale aggiunto della Cisl Giorgio Santini”.

Tanti i protagonisti, e tanti i motivi di approfondimento. “La Festa – prosegue Forte – è stata l’occasione per offrire a iscritti, militanti e simpatizzanti dell’intera provincia non solo un momento di riflessione sulle tematiche d’interesse dei cittadini, ma anche per cementare la coesione necessaria affinché si possano gettare le basi per una forza capace di interpretare quell’alternativa di governo autorevole, coerente e credibile di cui necessita il Paese, così come le comunità locali che dovranno rinnovare le amministrazioni nella prossima primavera”.

Tra gli argomenti affrontati, anche la nuova legge elettorale per il rinnovo del Parlamento. “Abbiamo avuto conferma – prosegue Forte – del fatto che ancora non c’è un testo condiviso tra le diverse forze politiche. Qualora si andasse a votare con l’attuale legge, il Partito Democratico sceglierà i propri candidati alla Camera e al Senato tramite le Primarie, così come gli aspiranti sindaci nei Comuni chiamati alle urne. In ogni caso, si terranno le Primarie per determinare il candidato premier: l’auspicio è che questa possa essere un’opportunità per il rilancio della nostra azione politica e non un momento di divisione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa Democratica, Pd: “Bilancio di una cinque giorni di successo”

LatinaToday è in caricamento