Insieme per il Lazio: “Presentiamo una forza politica nuova”. Dialogo aperto con il civismo

Tappa a Latina del tour che sta girando il Lazio. Giancola: “Il gruppo nato da un percorso complesso che oggi va definendosi meglio attraverso l’incontro con i cittadini”. Presente anche il vicepresidente della Regione Smeriglio

Ha fatto tappa anche a Latina, con una giornata di incontro e di ascolto, il tour del gruppo “Insieme per il Lazio” a cui hanno preso parte tra gli altri la consigliera regionale Rosa Giancola e il il vicepresidente della Regione Massimiliano Smeriglio.

Un incontro, per ascoltare il territorio per voce dei rappresentati dei governi cittadini, delle parti economiche, delle associazioni, che nel pomeriggio di venerdì 27 ottobre si è tenuto spazio eventi 8-11 (ex Stoa) e a cui hanno preso parte anche il sindaco di Latina Damiano Coletta, per i saluti istituzionali,  il presidente dell’Autorità di sistema portuale del Lazio Francesco Maria Di Majo, il presidente del Parco Riviera di Ulisse Davide Marchese, Luca Cardello dell’associazione Sempre Verde Pro Natura, la consigliera comunale di Cisterna Maria Innamorato.

“Oggi ascoltiamo il territorio. E presentiamo una forza politica nuova, pronta a dialogare con il civismo - ha detto la consigliera regionale Giancola -. Il gruppo regionale ‘Insieme per il Lazio’ è nato da un percorso complesso, che oggi si va definendosi meglio proprio attraverso l’incontro con i cittadini, il confronto sui temi e le strategie, la capacità di fare sistema. Il progetto è quello di raccogliere i valori del centrosinistra coniugando il percorso dei progressisti alle esigenze dei territori e riportando nella politica la centralità dei valori democratici. 

Siamo qui anche per raccontare l’esperienza di governo di centrosinistra di Nicola Zingaretti che ha dimostrato sul campo la possibilità reale di una forza plurale, pronta ad accogliere i valori della partecipazione”.

“Oggi i territori – ha proseguito la Giancola - scontano l’assenza di dialogo e di luoghi della concertazione e della mediazione. Ma se si perde la capacità di mediazione si perdono le parole per costruire il futuro. E la politica, talvolta, le ha perse. Si riparte dunque quindi da qui. In questa trasformazione politica epocale, occorre costruire contenuti prima che contenitori. Oggi ripartiamo quindi dalle storie e dalle esigenze reali dei territori, da azioni politiche sane che siano in grado di arginare il disagio sociale e il populismo. Laddove le amministrazioni sono state in grado di riportare i temi al centro del dibattito sociale hanno saputo arginare ogni cliché populista e ogni semplificazione, superando anche i rigidi schemi di destra e di sinistra. L’etichetta non ci interessa, ci interessa invece che i movimenti convergano in un’idea di governo e di pragmatismo politico”.

“Per queste ragioni – ha aggiunto la consigliera pontina Giancola - intendiamo mantenere un dialogo sempre aperto con il mondo del civismo, che proprio sul territorio pontino ha già declinato le sue esperienze positive e raccolto risultati importanti. In questa prospettiva, occorre quindi ripensare appunto ai contenuti e fare della mediazione la reale forza di governo, non solo in campagna elettorale ma nell’amministrazione quotidiana dei nostri territori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento