rotate-mobile
Politica

Approvate le linee di mandato in Consiglio comunale, Lbc: "Finalmente si può governare"

I consiglieri Campagna, Coletta, Proietti e Ranieri: "Dispiace che alcuni gruppi del centrodestra non abbiano voluto rispondere favorevolmente a questo invito di collaborazione, auspichiamo in un’opposizione costruttiva"

Il Consiglio comunale di Latina, nella seduta del 23 dicembre, ha approvato le linee di mandato per i prossimi 5 anni di amministrazione. Sono stati 17 i consiglieri favorevoli, 8 i contrari e 8 gli astenuti. 

“Sono state settimane di attese e rinvii – spiega il gruppo consiliare di Latina Bene Comune in una nota congiunta – ma possiamo finalmente affermare che questa amministrazione è sostenuta da un’evidente maggioranza. L’approvazione delle linee di mandato sono una grande vittoria, finalmente potremo dare impulso all’azione politica ed amministrativa per il rilancio della città di Latina, anzitutto definendo le varie commissioni. Noi abbiamo avuto le idee chiare fin dall’inizio: governare, tutti insieme, per il bene comune. Siamo contenti di aver trovato finalmente una sponda, in tal senso, dal centrodestra”. Oltre al sostegno di Lbc, Pd, M5s, Riguarda Latina e Per Latina 2032, sono risultati decisivi i voti favorevoli provenienti dal gruppo di Fare Latina e Forza Italia.  

“Il Consiglio comunale ha palesato un diffuso senso di responsabilità – proseguono i consiglieri Campagna, Coletta, Proietti e Ranieri - accogliendo il nostro invito a collaborare e partecipando alla redazione di un documento trasversale, capace di enucleare al suo interno le istanze sollevate da tutte le forze politiche in campo. Dispiace che alcuni gruppi del centrodestra non abbiano voluto rispondere favorevolmente a questo invito di collaborazione, auspichiamo in un’opposizione costruttiva. Da parte nostra non mancheranno mai apertura e predisposizione a dialogare”.

L’assemblea, è stata anche l’occasione per comprendere l’indirizzo che l’amministrazione vorrà perseguire nel prossimo quinquennio. “Un indirizzo che guarda al presente e al futuro attraverso un’idea nuova di città – spiega Emilio Ranieri nel suo intervento – che sia universitaria, sostenibile ed europea”. Attenzione anche a scuole e diritto allo studio: “Nessuno deve rimanere escluso dall’istruzione – ha dichiarato Gianmarco Proietti – e la scuola andrà ripensata non solo a livello di manutenzione delle strutture, che non mancheranno, ma anche attraverso il ripensamento dello spazio scolastico e della sua relazione con il territorio”. All’inclusione ha fatto riferimento anche Floriana Coletta: “Vogliamo che Latina sia di tutti e che nessuno venga lasciato indietro. Dalla pandemia sono usciti indeboliti i giovani, i soggetti fragili, le donne, che rappresentano il 51% della popolazione cittadina, ma anche i bambini e le bambine per i quali proseguirà il progetto di un loro Consiglio comunale”. Temi in evidente continuità rispetto al precedente mandato, ma con apertura a tutte le forze politiche che compongono l'assise consiliare, come precisa la capogruppo Valeria Campagna: “Abbiamo accolto le istanze di tutte le forze politiche, come è giusto che fosse in base all’ultimo esito elettorale. Per quanto mi riguarda, importante sarà continuare a lavorare nell’ottica della partecipazione di tutti i cittadini e delle cittadine. Anche dei giovani, che ho ovviamente a cuore e che dobbiamo mettere nelle condizioni di poter restare qui a Latina, mettendo a loro disposizione le opportunità, ma anche gli spazi necessari dove poter studiare e lavorare. Di particolare importanza sarà la destinazione da dare alla Banca d’Italia, per la quale vogliamo trovare delle soluzioni anche in base a quello che chiederà la cittadinanza. Le decisioni le prenderemo, come abbiamo sempre fatto, insieme”.

Il gruppo "Latina nel cuore" vota contro: "Scelta di coerenza"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Approvate le linee di mandato in Consiglio comunale, Lbc: "Finalmente si può governare"

LatinaToday è in caricamento