menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Questione rom a Latina: il Comune boccia Roma. "Chiederemo parere all'Unar"

Il caso discusso in commissione Welfare. L'assessora Patrizia Ciccarelli: "Approcci che non condividiamo perché emergenziali e unilaterali ma soprattutto non rispettosi dei diritti umani"

Della questione rom dalla Capitale si è parlato ieri, 29 gennaio, in commissione Welfare del Comune di Latina. I consiglieri comunali pontini all’unanimità, con l’assessora Patrizia Ciccarelli, hanno eccepito sul metodo utilizzato da Roma per “distribuire” circa 60 persone nelle altre province del Lazio, di cui circa venti destinate tra Latina e Frosinone.

“Si tratta di un’azione che interessa l’intero territorio regionale e troviamo singolare il fatto che le province e i comuni coinvolti non siano stati preventivamente interpellati, neppure attraverso le prefetture – hanno commentato i consiglieri Lbc - Scade oggi il bando, emesso lo scorso 23 dicembre. Vedremo quindi, subito dopo la scadenza, se ci saranno strutture locali che hanno deciso di partecipare alla procedura di gara”. Agli affidatari verrà chiesto di predisporre luoghi per l’accoglienza diffusa su un territorio vasto, sottoscrivendo un patto con il Comune di Roma per l’erogazione di servizi di inclusione.

“Nessun tipo di programmazione e nessuna valutazione del fatto che le persone vengano strappate dalla propria quotidianità di punto in bianco. Non si tratta di nomadi, ma di famiglie stanziali, alcune anche da 40 anni a Roma, quindi andrebbero fatte tutte le valutazioni su eventuali misure inerenti la migrazione – spiegano i commissari Lbc del Welfare e l’assessora Ciccarelli – In ogni caso, nessuna misura emergenziale secondo noi può essere invocata, semmai di tipo strutturale anche di medio e lungo periodo. Siamo un governo che non si è mai tirato indietro rispetto alla complessità dei problemi, ma dobbiamo pretendere l’efficacia delle azioni”. Latina sosterrà dunque la Provincia che ha deciso di impugnare il bando. 

Ecco perché Latina sosterrà la Provincia, che ha deciso di impugnare il bando. Il Comune di Latina sarà presente nel procedimento che verrà trattato in Camera di Consiglio al Tar il 10 febbraio. Come ulteriore azione il Comune valuterà anche, insieme alla propria avvocatura, di presentare una richiesta di parere all’UNAR (ufficio nazionale antidiscriminazione razziali) rispetto ai contenuti del bando capitolino. Una valutazione che ha trovato il favore unanime di tutti i partecipanti alla commissione, opposizioni comprese.

"Non alimentiamo false paure e non innalziamo muri a difesa di fantomatici confini - speiga l'assessora Ciccarelli - Non abbiamo mai abdicato al compito che spetta a ogni buona amministrazione di governare i fenomeni anche quando sono particolarmente complessi. Proprio per questo non possiamo tacere di fronte ad approcci che non condividiamo perché ancora una volta emergenziali, unilaterali e pertanto inefficaci, ma soprattutto non rispettosi dei diritti umani".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, nuovi casi di variante inglese: focolaio a Latina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento