Politica

Condannato a un anno senza sospensione della pena, Marchiella ritira la sua candidatura

Il consigliere comunale di Fratelli d'Italia: "Faccio un passo indietro, non avevo informato il partito e neppure il candidato sindaco"

Andrea Marchiella, consigliere comunale uscente e candidato nella lista di Fratelli d’Italia, ritira la propria candidatura per le prossime elezioni amministrative del capoluogo pontino. La decisione, comunicata da lui stesso, fa seguito alla notizia di una sua condanna definitiva ad un anno di reclusione senza sospensione condizionale della pena per reati finanziari, condanna per scontare la quale ha già richiesto l’affidamento ai servizi sociali.

“Le notizie apparse in queste ore sulla stampa – spiega Marchiella - mi inducono a prendere una decisione sofferta ma politicamente inevitabile. Per il bene del mio partito, Fratelli d’Italia, della coalizione di centrodestra e del nostro candidato sindaco Zaccheo, ho scelto di fare un passo indietro dalla competizione elettorale. Mi assumo la responsabilità di non aver informato né il mio partito, né la coalizione, né il candidato sindaco della mia vicenda giudiziaria. La legge Severino – continua - mi permetterebbe di continuare a svolgere la campagna elettorale ed anche di essere eletto in Consiglio Comunale ma il momento mi induce a ritenere prioritaria l’opportunità politica alla legge”.

Il consigliere comunale aggiunge di ritenersi completamente estraneo alle accuse per le quali è stato condannato in tre gradi di giudizio e sottolinea la volontà di rimanere a disposizione del suo partito, del centrodestra e del candidato sindaco Zaccheo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condannato a un anno senza sospensione della pena, Marchiella ritira la sua candidatura

LatinaToday è in caricamento