Mercoledì, 17 Luglio 2024
Politica

“Capitale italiana della cultura 2026”: primo passo verso la candidatura di Latina

Dalla sindaca Celentano massima apertura a tutti gli stakeholder. Parte, con un primo censimento delle associazioni operanti nel “settore creativo”, la formazione di un partenariato a sostegno della candidatura

Procede il lavoro del’ammnistrazione comunale per la candidatura di Latina a “Capitale italiana della cultura 2026”. Parte, con un primo censimento delle associazioni operanti nel “settore creativo”, la formazione di un partenariato a sostegno della candidatura. Il servizio cultura del Comune di Latina ha pubblicato un avviso – consultabile sul sito dell’entemunicipale - finalizzato a raccogliere dati conosciuti su sodalizi interessati a collaborare al progetto.

Gli interessati potranno presentare la loro associazione tramite accesso al link indicato sull’avviso pubblico entro le 13 del 28 luglio 2023.  Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al Servizio Cultura, al seguente indirizzo: culturaturismosport@comune.latina.it.

La candidatura di Latina a “Capitale italiana della cultura 2026”, promossa dal gemellaggio degli Ordini degli architetti di Latina e Verona, è stata deliberata dalla giunta del sindaco Matilde Celentano il 3 luglio. Martedì scorso si è aperto il primo tavolo operativo per la realizzazione del dossier - affidato all’agenzia PG&W, con il coordinamento del direttore di marketing territoriale, l’architetto Daniela Cavallo - che sarà presentato alla giuria per la valutazione finale.

“L’obiettivo – ha spiegato il sindaco Celentano - è quello di promuovere progetti e attività di valorizzazione del patrimonio culturale italiano, sia materiale che immateriale, attraverso una forma di confronto e di competizione tra le diverse realtà territoriali, incentivando così la crescita del turismo e dei relativi investimenti”. La giuria, composta da sette esperti indipendenti, a seguito delle “audizioni” con le città finaliste, raccomanderà al Ministro della Cultura il nome del Comune, della Città metropolitana o dell’Unione di Comuni ritenuto più idoneo, dandone opportuna motivazione. Quindi, su proposta del Ministro della Cultura, il titolo sarà successivamente assegnato dal Consiglio dei Ministri con propria delibera.

“Per Latina si tratta di una grandissima opportunità – ha affermato il sindaco Celentano – La città vincitrice avrà diritto al contributo di un milione di euro messo in palio. Potrà mettere in mostra, per il periodo di un anno, i caratteri originali e i fattori che ne determinano lo sviluppo culturale, inteso come motore di crescita dell’intera comunità. Il progetto, quindi, mira a valorizzare la città di Latina, facendo conoscere la ricchezza posseduta, in gran parte nascosta e sconosciuta. Per tale motivo si rende necessario costituire un tavolo di partecipazione volto a raccogliere contributi, idee, proposte, e suggerimenti al progetto che saranno vagliate dal team di progetto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Capitale italiana della cultura 2026”: primo passo verso la candidatura di Latina
LatinaToday è in caricamento