menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Teatro e Palazzo della cultura, D'Achille: "Costruiamo un progetto su misura della città"

Prosegue il dibattito sul teatro in commissione Cultura. Incontro in commissione con Renato Chiocca e Renato Gabriele

In commissione Cultura prosegue il dibattito sul teatro e sull’impostazione di una ripartenza anche culturale della città di Latina. Il ciclo di incontri, coordinato dal presidente della commissione Fabio D’Achille, nell’ultima seduta ha visto la partecipazione del regista pontino Renato Chiocca e dello scrittore Renato Gabriele.

Chiocca ha sottolineato l’importanza di avere una compagnia permanente nel teatro per la produzione di spettacoli e per la creazione di un laboratorio creativo; importante anche che si tratti di un organismo con un bilancio separato rispetto a quello comunale. Renato Gabriele ha invece posto l’accento su diversi aspetti: intanto sull’abbandono che il palazzo della cultura ha subìto progressivamente nel corso degli anni, poi sulle spese di utilizzo del teatro stesso, che andrebbero abbassate per consentire una produzione su base provinciale: in sostanza, per far diventare il D’Annunzio il fulcro della cultura pontina. Dal punto di vista organizzativo, dovrebbero restare separate le figure di un direttore tecnico-amministrativo e di un direttore artistico, con quest’ultimo scelto tra le personalità competenti legate al territorio. Per una ripartenza culturale, ha detto Gabriele, bisogna instaurare una collaborazione civica tra pubblico e privato, con l’obiettivo comune di creare valore culturale, e che potrebbe procedere di pari passo con un’offerta che sfrutti anche gli spazi della biblioteca comunale.

“Sono felice che gli incontri in commissione stiano avendo questo seguito positivo – dichiara Fabio D’Achille, presidente della commissione Cultura – La città ha finalmente un dibattito aperto sulla cultura, volto a costruire da capo un progetto per tutti e largamente condiviso, tagliato su misura per la città ma pronto a rivolgere lo sguardo verso panorami più ampi e ad accogliere contaminazioni esterne che possono arricchire l’offerta culturale”.

Gli incontri sono stati particolarmente apprezzati anche dall’assessore Silvio Di Francia, che li ritiene molto utili anche sul fronte amministrativo, perché consentiranno di intervenire anche su altre problematiche, come ad esempio quelle relative ai regolamenti di utilizzo degli spazi culturali comunali, reputati troppo onerosi secondo il regolamento realizzato dal commissario Barbato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento