rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Politica

Le reazioni del candidato Zaccheo: "Ho vinto io, al primo turno e il 4 settembre"

Il candidato scelto dalla coalizione di destra avanza poi dubbi anche sulla regolarità del ballottaggio di ottobre

La reazione del candidato sindaco di Latina Vincenzo Zaccheo dopo la proclamazione di Damiano Coletta e il rigetto dell'istanza della lista Latina nel Cuore, che chiedeva alla commissione elettorale di ripetere anche il ballottaggio.

Zsccheo comincia con il ringraziare i cittadini; "Il 60,5% degli elettori delle 22 sezioni - ha dichiarato - si è espresso chiaramente, permettendomi di ottenere un risultato molto più importante dell'ottobre 2021 a dimostrazione che il ricorso era fondato e si erano verificate irregolarità. Voglio dire grazie ai 5.877 cittadini che hanno creduto che la città potesse risvegliarsi dall'immobilismo. Ringrazio anche i partiti della coalizione di centrodestra che, così come il Movimento Cinque Stelle, hanno presentato una memoria per chiedere delucidazioni in merito al secondo turno data la poca chiarezza delle sentenze del Tar e del Consiglio di Stato nel caso in cui nessuno dei candidati sindaci avesse raggiunto il 50% + 1 al primo turno".

Ma il candidato della coalizione di destra non rinuncia ad avanzare dubbi sul secondo turno di voto dello scorso ottobre, quello che ha decretato a tutti gli effetti la vittoria di Damiano Coletta con il 54% dei voti; "Al primo turno ho vinto io - aggiunge - al secondo turno avrebbe vinto lui, ma c'è un'inchiesta giudiziaria in corso volta ad accertare irregolarità in 75 sezioni su 116 e nelle elezioni suppletive del 4 settembre ho vinto di nuovo io con il 60,5% dei voti contro il 34% di Coletta. Se fosse stato così sicuro di tornare a governare, non si sarebbe certo dovuto far intimorire da una memoria presentata dal centrodestra e persino dal Movimento Cinque Stelle, partito suo alleato". L'istanza presentata dal M5S, a dire il vero, intendeva proprio sollecitare la commissione elettorale a valutare la validità dei voti del primo o del secondo turno, sulla base dell'apparentamento con la coalizione di Coletta. "La commissione elettorale - dichiara infine - ha deciso di procedere comunque con la proclamazione degli eletti e non posso che augurare buon lavoro al sindaco che si troverà con una difficile situazione di governabilità e con un'anatra più zoppa di prima: 13 seggi per la sua coalizione contro i 19 di quella del centrodestra. Io mi batterò per un principio: quello che la città non resti nelle condizioni in cui è adesso".

La lista Latina nel Cuore rincara la dose e punta ancora il dito contro le irregolarità scoperte nelle sezioni elettorali. "Il Consiglio comunale - aggiungono i componenti della lista - sarà composto da 19 consiglieri di centrodestra e soli 13 di centrosinistra: appare chiaro come la proporzione sia tutta a favore della coalizione alla quale il movimento politico Latina nel Cuore appartiene, pronta nuovamente a farsi valere nei confronti di un sindaco che non ha né il supporto del Consiglio comunale, né tantomeno quello di gran parte della città che si appresta a governare. Il risultato delle elezioni dello scorso 4 settembre conferma ancora una volta, dopo il grande successo al primo turno di ottobre, il candidato sindaco Vincenzo Zaccheo, il quale ha ottenuto il 60,50% dei consensi (5.877 voti) contro il 34,74% di Damiano Coletta (3.375 voti). Benché quest’ultimo sottolinei a più riprese di aver trionfato “tre volte”, la realtà è che è stato sconfitto al primo turno dello scorso ottobre, in quello del 4 settembre e, a breve, lo sarà anche in Consiglio comunale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le reazioni del candidato Zaccheo: "Ho vinto io, al primo turno e il 4 settembre"

LatinaToday è in caricamento