menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni europee, Matteo Salvini a Latina: "Meglio essere qui che in diretta da Fazio"

Il vicepremier a Piana delle Orme per sostenere la candidatura al Parlamento europeo di Matteo Adinolfi. Duro attacco al sindaco Coletta

"Sono contento di stare qui invece di essere in diretta da Fabio Fazio. Stasera dovevo scegliere se essere ospite di uno di questi comunisti col Rolex o essere qui, ho scelto Latina. Gli lascio il suo Rolex e i suoi milioni". Ha esordito così il ministro dell'Interno Matteo Salvini, sul palco allestito a Piana delle Orme, tornato a Latina per sostenere il candidato al Parlamento europeo della Lega Matteo Adinolfi. Accanto al vicepremier i dirigenti locali del partito. Oltre al candidato Adinolfi, il sottosegretario Claudio Durigon, il coordinatore regionale Francesco Zicchieri e il consigliere regionale Angelo Orlando Tripodi.

"Stiamo girando l'Italia in lungo e in largo con grande soddisfazione - ha proseguito Salvini - Io non ho paura di niente e nessuno, però sono un po' stufo degli attacchi e delle minacce. Solo oggi  sui muri di tre città italiane, Bologna, Torino e Roma, insulti e minacce. Da oggi non facciamo più sconti a nessuno. Ci danno lezioni di emocrazia quelli come il sindaco di Latina che si ccupano di cambiare il nome ai giardinetti e di fare sfilate. Loro sono democratici, ma se non la pensi come loro scrivono 'Salvini muori' sui muri. Ma più mi minacciano più mi viene voglia di continuare ad andare avanti come un treno".

Poi, i temi cari alla politica di Salvini: l'immigrazione prima di tutto ("I porti devono restare chiusi, in Italia entra solo chi ha il permesso"), poi ancora la giustizia, la legge sulla legittima difesa, la scuola, la sanità. Infine un appello al voto del 26 maggio prossimo "per ripulire l'Europa". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento