Venerdì, 12 Luglio 2024
Politica

Fallimento Latina Ambiente e costituzione di parte civile: il giallo delle dimissioni di Mignano

Il consulente giuridico le ha presentate al sindaco Matilde Celentano "per una questione di opportunità". Ma lei non sembra intenzionata ad accettarle

E' diventato un giallo quello delle dimissioni di Giacomo Mignano, consulente giuridico a titolo gratuito del sindaco Matilde Celentano, presentate qualche giorno fa quasi in coincidenza con l'udienza preliminare del processo per il fallimento della Latina Ambiente in programma per domani, giovedì 11 luglio, davanti al gup Laura Morselli.

Mignano infatti figura nell'elenco degli indagati insieme ad altre 25 persone che hanno ricoperto incarichi all'interno della società partecipata del Comune e che sono chiamati a rispondere di bancarotta fraudolenta. Nell'elenco figurano tra gli altri Bruno Landi e Valerio Bertuccelli; gli ex presidenti Vincenzo Bianchi, Giovanni Rossi e Massimo Giungarelli; gli ex consiglieri del Cda Gianmario Baruchello, Marco Brinati, Claudio Quattrini, Marcello Vernola, Alfio Gentili, Maurizio Barra, Bruno Calzia, Vincenzo Borrelli, Lucio Nicastro, Stefano Gori, Romeo Carpineti, Francesco Maltoni, Lorenzo Le Donne e Giancarlo Milesi. Contro di loro l'ente di piazza del Popolo dovrebbe costituirsi parte civile per i danni subìti a causa di quel fallimento ma finora non è stata depositata alcune istanza nonostante la delibera del 2023 con la quale il commissario prefettizio Carmine Valente aveva dato mandato all'avvocatura di procedere in tal senso. Quell'atto non è mai stato revocato ed è tuttora valido e questo determina una situazione imbarazzante per Mignano.

"Ho agito così - chiosa il diretto interessato - per una questione di opportunità nonstante non ci sia incompatibilità. Voglio evitare speculazioni poltiche sulla mia posizione - aggiunge l'avvocato Mignano - ma resto comunque a disposizione dell'amministrazione". 

Per ora però quelle dimissioni restano "congelate" mentre sulla costituzione di parte civile è difficile fare prevsioni soprattutto alla luce del parere fornito dal professore Federico Pernazza al quale è stato affidato un incarico specifico per valutare l'opportunità o meno di tale passaggio: a suo avviso la costituzione nel procedimento penale potrebbe anche essere evitata per far valere eventuali rivendicazioni da parte del Comune in sede di Corte dei Conti. 

Dimissioni di Mignano, l'opposizione: "Arrivano tardi,un conflitto di interesse su più fronti"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fallimento Latina Ambiente e costituzione di parte civile: il giallo delle dimissioni di Mignano
LatinaToday è in caricamento