menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Teatro chiuso, il Pd contro la Giunta Coletta: "Petizione a se stessi, siamo al ridicolo"

Il partito d'opposizione interviene duramente sulla vicenda dei ritardi nella riapertura del teatro a Latina: "Chiedere scusa alla città sarebbe il minimo"

Una petizione contro la burocrazia. Coletta usa questo espediente per cui il Movimento Lbc ha lanciato l’iniziativa di chiedere al Comune che amministra e quindi a se stesso la riapertura del Teatro, indicando come colpevole la burocrazia". E' il commento del Partito democratico, per voce del segretatio di Latina Alessandro Cozzolino e del segretario provinciale Claudio Moscardelli, sulla caso del teatro ancora chiuso. "Sarebbero i vigili del fuoco - dicono ironicamente dal Pd - dalla parte dei cattivi. Siamo al ridicolo. La vicenda del teatro rimasto chiuso per cinque anni è rappresentativa della Giunta Coletta. Sindaco e assessori competenti dovrebbero solo dimettersi, ma un vocabolo che non conoscono". 

"Dopo aver sbagliato tutto ciò che si poteva sbagliare - continua il Pd in una nota - dopo ritardi, inconcludenza, addebiti ai vigili del fuoco di inventare motivi per non riaprire, arriva la petizione a se stessi. Si vanta la Giunta Coletta di aver speso la cifra di ben  600 mila euro per la messa a norma del Teatro. Una cifra ridicola spesa in 5 anni. Ma davvero Coletta vuole rifilare questo bidone alla città? Ora si cerca un colpevole indistinto ossia la buorocrazia e poi si mettono in atto iniziative per spostare l’attenzione. Indicare la riapertura del Teatro come simbolo di rinascita della città supera ogni immaginazione. La riapertura del Teatro dopo 5 anni di chiusura, fosse anche domattina, sarebbe la prova provata di come non deve comportarsi un sindaco e la sua giunta. Apprezziamo la sollecitazione di artisti di discutere sul Teatro in termini progettuali. Siano pronti ma vogliamo notizie certe sulla riapertura. Le bacchettate che hanno distribuito nei giorni scorsi gli assessori Di Francia e Ranieri a chi osa criticare sono fuori luogo . Chiedere scusa alla città sarebbe il minimo". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento