Contrasto delle ludopatie, regolamento approvato in Consiglio a Latina

Soddisfazione espressa dal presidente Commissione Welfare: "Un risultato importante". Diverse le misure adottate

Approvato ieri in Consiglio comunale a Latina il regolamento rivolto al contrasto delle ludopatie o GAP (gioco d’azzardo patologico). Soddisfazione è stata espressa da Luisa Mobili, presidente Commissione Welfare che ha definito questo “un risultato importante”.

“Tale documento, frutto del lavoro, protrattosi per diversi mesi, delle due commissioni consiliari Welfare e Attività Produttive, nonché della categoria medica, della Asl locale e in fine dell’associazione SAMAN, non solo viene emesso in accordo con le raccomandazioni dell’Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani), ma rientra anche nel quadro normativo tracciato dal piano biennale della regione Lazio, per il quale si sono stanziati 14,4 milioni di euro nel periodo 2017-2018”.

Il Gioco d’Azzardo Patologico, prosegue Mobili nella nota, “è prevista nei LEA, vale a dire nei livelli essenziali di assistenza redatti dal Ministero della Salute. Ciò è quanto mai indicativo della gravità della condizione che, oltre ad aver portato nel corso dell’anno passato a una spesa complessiva che si aggira intorno ai 96 miliardi, risulta degradante per l’individuo, nonché distruttivo sul fronte dei rapporti familiari e interpersonali dei giocatori. Se oltre due milioni di Italiani risultano a rischio, ben 800.000 si possono già dire malati; e se ancora sono proprio le macchinette Slot a essere prese maggiormente di mira, è anche vero che dal 2015 a oggi, l’aumento, in termini percentuali, della spesa di coloro che soffrono di dipendenza è nell’ordine dell’8%”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nei sette lunghi mesi di lavoro congiunto delle commissioni e delle parti sociali, queste sono state le misure adottate: definizione della distanza minima fra le sale gioco e luoghi sensibili (come scuole, impianti sportivi e punti di aggregazione giovanile in generale, la ZTL, gli stabilimenti balneari e gli sportelli bancomat); impegno, da parte del sindaco a stabilire, tramite specifica ordinanza, gli orari di apertura delle sale slot e del funzionamento degli stessi apparecchi; azione di prevenzione in particolare rispetto ai  giovani e alle famiglie, nonché stanziamento di fondi per la formazione di personale qualificato addetto alle sale gioco” conclude il presidente Commissione Welfare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Coronavirus Latina, nuovo picco di contagi: altri 30 positivi in provincia

  • “Spregiudicato e di grande caratura criminale”: ecco chi è Luciano Iannotta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento