rotate-mobile
Il cordoglio / Cori

Cori piange la morte dell’ex sindaco Serafino Marafini: proclamato il lutto cittadino

Primo cittadino dal 1978 al 1980 e poi dal 1991 al 1994 si è spento il 4 gennaio. Sabato 7 gennaio i funerali nella chiesa di San Francesco

E’ lutto a Cori che piange la morte dell’ex sindaco Serafino Marafini. Già primo cittadino dal 1978 al 1980 e poi dal 1991 al 1994, Marafini si è spento nella giornata di ieri, 4 gennaio, all’eta di 89 anni; in segno di cordoglio per la scomparsa, è stato proclamato il lutto cittadino nella giornata in cui avranno luogo le esequie, sabato 7 gennaio alle 11 nella chiesa di San Francesco. E’ stato predisposta l’esposizione delle bandiere a mezz’asta nelle sedi comunali e l’invito agli esercizi commerciali è ad abbassare le saracinesche in concomitanza con il passaggio del feretro. 

Il sindaco Mauro De Lillis parteciperà ai funerali con una delegazione del Comune e il Gonfalone Comunale.

Classe 1934, primo cittadino in due occasioni, a lungo vicesindaco tra il ’60 e il ‘78 con i sindaci Franco Luberti e Romolo Palombelli, è stato l’amministratore per antonomasia per oltre un trentennio nel suo Comune, tra gli anni ‘60 e i primi anni ’90. Politicamente nasceva socialista, aderendo poi al Psiup e quindi al Pci infine al Pds e al Pd: la sua competenza spaziava nei vari ambiti della vita amministrativa, di cui aveva grande conoscenza. Nel suo far politica e attività amministrativa si è trovato spesso in tandem con Romolo Palombelli. Nel 1985, in rotta col Pci, diede vita alla quarta lista che spaccò la sinistra corese, ma nel 1989 la rottura venne riassorbita e il duo Palombelli-Marafini tornò al vertice della città. Ha rappresentato un’epoca nel governo cittadino, come uomo delle competenze amministrative non tanto legato alle ideologie (seppur di chiara identità di sinistra), ma soprattutto alle cose da fare, sempre ponendosi come amministratore a servizio non di una parte politica, ma dell’interesse generale.

Competenze professionali, politiche e umane che gli derivarono anche da una assai lunga esperienza che lo vide, tra l’altro, dal 1960 ragioniere generale del Comune di Sezze; poi al Coreco (comitato regionale di controllo, cui erano attribuite appunto funzioni di controllo sugli atti degli enti locali), dove si fece conoscere ed apprezzare per il supporto che sempre prestava ai Comuni con grande spirito di servizio; ancora, nel 1980 chiamato a fare formazione alla nuova classe dirigente nel Comune di Norma, dove il PCI aveva vinto le elezioni.

“Con la sua scomparsa – commenta commosso il sindaco di Cori, Mauro De Lillis - preceduta da tante altre, viene meno tutta una generazione di uomini che hanno dato tanto alla politica e alla vita amministrativa cittadina, viene meno un pezzo di storia della nostra comunità. Ho ritenuto doveroso, interpretando il comune sentimento della popolazione, proclamare il lutto cittadino, in segno di profondo rispetto e di partecipazione al dolore di tutta la comunità per la sua perdita. Giungano alla famiglia il cordoglio e la vicinanza di tutta l’amministrazione comunale e dei dipendenti”.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cori piange la morte dell’ex sindaco Serafino Marafini: proclamato il lutto cittadino

LatinaToday è in caricamento