Cusani condannato, Pd: mozione in Consiglio a sostegno dei magistrati

Presentata la mozione dopo le accuse del presidente della Provincia condannato in primo grado per abusivismo edilizio: "Il Pdl non difende Cusani e fa mancare il numero legale nel voto"

Giorgio De Marchis, consigliere comunale del Pd, ha illustrato la mozione

Il Pd presenta in Consiglio comunale la mozione di solidarietà ai magistrati dopo le accuse mosse dal presidente Cusani in seguito al pronunciamento della sentenza di condanna in primo grado per abusivismo edilizio e subito scoppia il caso.

Al momento della votazione infatti in aula non è stato raggiunto il numero legale per il voto.

Ma andiamo con ordine. La mozione è stata illustrata in aula dal capogruppo del Pd Giorgio De Marchis “che ha ricordato i passaggi successivi alla sentenza di condanna che hanno visto Cusani protagonista di una serie di attacchi contro la magistratura accusata di aver emesso nei suoi confronti ‘una sentenza politica’”.

“Abbiamo ricordato al presidente Cusani, seppure indirettamente non essendo noi in Via Costa – spiega De Marchis - che generalmente davanti a una sentenza di condanna si rassegnano le dimissioni. Cusani invece continua imperterrito sulla sua strada che sta producendo una enorme perdita di credibilità da parte della Provincia di Latina. Tutti si chiedono, infatti, con quale autorevolezza Cusani, condannato e interdetto dai pubblici, possa argomentare sulla illegittimità dei provvedimenti adottati dal governo in materia di riforma delle province”.

Con la mozione presentata oggi il Pd chiedeva al consiglio comunale di esprimersi sulla vicenda e di manifestare la solidarietà all’Associazione nazionale magistrati di Latina che ha respinto con forza le accuse mosse da Cusani.

“Nel momento della votazione della mozione – dice il capogruppo - la maggioranza si è liquefatta e ha preferito abbandonare l’aula facendo mancare il numero legale. Diversi gruppi consiliari erano presenti in consiglio mentre si notava l’assenza del gruppo del Pdl che comunque non è intervenuto nel dibattito a sostegno della figura del presidente della provincia e questo lascia intendere che anche pezzi importanti della maggioranza sostengono le posizioni espresse nella mozione”.

“A settembre i consigli comunali riprenderanno dalla discussione della mozione su Cusani - conclude il capogruppo Pd Giorgio De Marchis - e sarà in quella occasione che il gruppo del Pd porterà all’attenzione del consiglio e del presidente Cusani le firme raccolte nella campagna provinciale Cusani dimettiti”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

Torna su
LatinaToday è in caricamento