Ristoro nucleare, Comune pronto all’azione legale per il recupero delle somme

Il vicesindaco Paola Briganti ha partecipato ieri alla riunione all'Ancin: "Riguardo il Comune di Latina, che si trova in una situazione di assoluta singolarità, il legale ha dato indicazione di considerare l'opportunità di costituirsi parte in causa in maniera autonoma"

L’amministrazione di Latina valuterà l’opportunità di un’azione legale per il recupero integrale delle somme per ristoro nucleare dovute dal Governo, forte del riconoscimento, arrivato nella giornata di ieri nella riunione all’Anci, dell’assoluta esclusività della posizione del Comune di Latina rispetto agli altri Comuni che hanno presentato e vinto il ricorso per il rimborso per la servitù.

A darne notizia la stessa amministrazione in seguito all’incontro promosso dall’Ancin (Associazione Nazionale Comuni Italiani Nuclearizzati), a cui hanno partecipato anche il legale che ha avviato e seguito la causa per il maxi risarcimento ai Comuni con servitù nucleare e alcuni Comuni che in virtù delle normative successive al 2009 hanno acquisito diritti sulla ripartizione del ristoro. 

Quello di Latina, come spiega l’amministrazione è l’”unico Comune tra gli intervenuti a non essersi costituito insieme agli altri per il recupero dei fondi in virtù della normativa del 2006 e che non ha beneficiato della parte di rimborso spettante ai Comuni limitrofi a quelli dove si trovano le centrali”. 

Ha rappresentare l’amministrazione del capoluogo pontino alla riunione, c’era il vicesindaco Paola Briganti. 

“Una volta approfondite le tematiche legali conseguenti l’emanazione della sentenza – racconta il Vicesindaco – riguardo il Comune di Latina, che si trova in una situazione di assoluta singolarità, il legale ha dato indicazione di considerare l’opportunità di costituirsi parte in causa in maniera autonoma e ha manifestato, a distanza di cinque anni, la sua perplessità per la mancata adesione da parte del commissario Nardone prima, dell’amministrazione Di Giorgi poi, all’iniziativa che ha coinvolto tutti gli altri Comuni conclusasi con la vittoria della causa in primo grado”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Stante l’esclusività della posizione del nostro Comune - conclude Briganti – l’amministrazione valuterà nelle sedi opportune la possibilità di attivarsi dal punto vista legale per il recupero delle somme inerenti il ristoro visto che si tratta di risorse ingenti dovute in base a tale sentenza a tutti gli altri Comuni nuclearizzati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni amministrative 2020, i risultati: è ballottaggio a Fondi e Terracina

  • Elezioni a Fondi 2020: è ballottaggio tra Maschietto e Parisella

  • Elezioni a Terracina 2020: è ballottaggio tra Roberta Tintari e Valentino Giuliani

  • Coronavirus Latina, nuovo picco di contagi: altri 30 positivi in provincia

  • Coronavirus, 195 casi nel Lazio e tre morti. In provincia dati in flessione dopo il picco

  • Coronavirus Lazio, 197 nuovi casi e un decesso. In terapia intensiva ci sono ancora 22 persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento