Politica

Modifiche al Piano Casa regionale, incontro al Grassi di Latina

Michele Civita ed Enrico Forte, assessore e consigliere regionali, hanno illustrato le proposte di modifica al Piano, in discussione nelle Commissioni, che all'inizio del nuovo anno dovrebbe arrivare in Consiglio

Piano Casa, la Regione Lazio incontra professionisti e rappresentanti del territorio per discutere le modifiche da apportare al documento che a breve dovrebbe approdare in Consiglio regionale.

Questo alla base dell’incontro che nel pomeriggio di ieri si è tenuto in un’aula magna del liceo Grassi gremita di persone per illustrare le proposte di modifica al Piano casa della Regione Lazio attualmente al vaglio delle competenti Commissioni.

“La Regione ha scelto il metodo del confronto e della consultazione a tutto campo con categorie, ordini professionali e rappresentanti del territorio per apportare al Piano casa le modifiche necessarie per restituire al territorio uno strumento urbanistico che riesca a rispettare paesaggio e ambiente e al tempo stesso produrre effetti positivi per l’economia” ha spiegato il consigliere regionale Pd e vice Presidente della VI Commissione Ambiente, lavori pubblici, mobilità, politiche della casa ed urbanistica Enrico Forte.

“Siamo saliti su un treno in corsa – ha spiegato l’assessore regionale alle Politiche del territorio, mobilità e rifiuti Michele Civita che, dopo il saluto del sindaco di  Latina Di Giorgi ha spiegato gli obiettivi del nuovo testo – e abbiamo ereditato dalla Giunta Polverini un Piano pieno di deroghe sui vincoli per aree di particolare pregio, deroghe che rischiavano di stravolgere la pianificazione urbanistica e che intendiamo eliminare. I nostri obiettivi sono sostenere gli interventi di rigenerazione delle strutture esistenti per attenuare la crisi del settore edilizio; favorire l’housing sociale con canoni di affitto calmierati; agevolare la riorganizzazione dell’agricoltura con la multifunzionalità delle strutture e dare tempi certi per l’attività delle amministrazioni comunali anche abolendo tutte le circolari interpretative esistenti in materia”.

“Non possiamo pensare  – ha aggiunto Enrico Forte – di continuare ad utilizzare il nostro territorio in maniera indiscriminata, dobbiamo entrare nell’ottica che sia una risorsa da utilizzare in termini innovativi e rispettosi dell’ambiente. In questa legge ci sono spazi per interventi ecocompatibili e per un’agricoltura che si rinnova e apre le proprie strutture ad attività diversificate oltre all’housing sociale come risposta alla crisi del ceto medio e strumento per ricucire la profonda frattura che nei decenni si è creata tra il centro e le periferie delle nostre città”.

Al dibattito hanno partecipato, tra gli altri, i presidenti dell’Ordine degli Architetti, degli Ingegneri, dei Geometri e degli Agronomi oltre ad assessori, dirigenti e tecnici di numerose amministrazioni comunali della provincia di Latina che hanno posto domande e suggerito interventi tesi a migliorare il testo attualmente al vaglio degli organismi regionali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Modifiche al Piano Casa regionale, incontro al Grassi di Latina

LatinaToday è in caricamento