rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Politica

Presidenze delle commissioni in Provincia: FdI e Lega non ci stanno, il centrodestra si spacca

La dura nota dopo le nomine: “Un’occasione persa; non perché Fratelli d’Italia e Lega si ritrovano all’opposizione ma perché Forza Italia sceglie di unirsi in maggioranza con gruppi che sono lontani anni luce per programmi e valori”

E’ scontro all’interno del centrodestra dopo le elezioni dei presidenti delle commissioni in Provincia. Tre sono state le nomine in seno ai consiglieri di centrodestra, due delle quali tra le fila di Forza Italia e una di Fratelli d’Italia, e due nel centrosinistra con una presidenza per il Pd e una per le Civiche Pontine. 

All'indomani delle nomine è stata diffusa una dura nota da Fratelli d’Italia e Lega che hanno definito quella delle elezioni dei presidenti delle commissioni provinciali “un’occasione persa”, in cui hanno prevalso “logiche di potere a discapito dell’unità del centrodestra e della governabilità”. “In politica le scelte andrebbero prese sulla base di logiche di governabilità e programmi condivisi, non per accaparrarsi un ruolo e poter quindi esprimere una potenzialità ben lungi dal poter essere confermata alle urne - si legge nella nota a firma dei consiglieri provinciali di FdI Pierluigi Torelli, Renzo Scalco, Luigi Vocella e Luca Caringi e del consigliere di Prima la Provincia di Latina (Lega) Nicola Riccardelli -. Alla lunga questa logica non paga e in effetti, anche in provincia di Latina, è Fratelli d’Italia a essere il partito più votato. 

Quanto accaduto con la nomina dei presidenti di commissione della Provincia di Latina rappresenta un’occasione persa per l’intero territorio ma non perché Fratelli d’Italia e Lega si ritrovano all’opposizione. Semplicemente perché vede Forza Italia scegliere di unirsi in maggioranza con gruppi che sono lontani anni luce, per programmi e valori trasmessi e che sono all'opposizione non solo al Parlamento nazionale ma anche in Regione Lazio e in molti Comuni della provincia. Uniti dalla sola brama di ruoli, sono giunti a una vittoria di Pirro che ha il sapore della ripicca, frutto peraltro della sola incapacità di vero dialogo e confronto. Una scelta che difficilmente potrà essere spiegata agli elettori”.

“Ora - prosegue la nota - saremmo curiosi di capire la posizione del segretario provinciale del Pd Omar Sarubbo che, all’indomani della nomina del Cda di Acqualatina, aveva parlato di un atteggiamento predatorio di Fratelli d’Italia, senza peraltro entrare nel merito dei curricula dei professionisti scelti, in autonomia, dai sindaci. Profili che non sono stati criticati perché, evidentemente, non era possibile farlo. Quanto accaduto in Provincia, grazie a questo accordo che ha il sapore dell’inciucio, non è frutto di una logica predatoria che mira a ‘volere tutte le poltrone’ come all’epoca aveva detto lo stesso Sarubbo?

La politica e il buon governo sono figli anche della lealtà che mal si sposa con una contraddizione in termini evidente a tutti. Da parte nostra - concludono i consiglieri di FdI e Lega . continueremo ad anteporre progetti a logiche spartitorie, continuando a ricercare l’accordo con chi dimostra di avere capacità di dialogo e confronto e soprattutto di sposare i valori imprescindibili per la nostra comunità di patrioti. Sembra evidente che qualcuno voglia minare l’unità del centrodestra ma il rischio è che resti sempre più ai margini e che quanto accaduto ieri rappresenti sempre più un caso isolato”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presidenze delle commissioni in Provincia: FdI e Lega non ci stanno, il centrodestra si spacca

LatinaToday è in caricamento