Si chiude il 2011, ora di bilanci per la Provincia. Cusani soddisfatto

Report de presidente dell'Ente. Quattro gli assi dei provvedimenti: i conti pubblici, i temi di rilevanza collettiva, la riforma delle Province, l'assetto istituzionale e gli scenari futuri

Armando Cusani, presidente della Provincia di Latina

La fine dell’anno ormai è alle porte, ed è tempo di bilanci. Questa mattina il presidente della Provincia Armando Cusani ha tenuto una conferenza stampa in cui ha ripercorso tutte le tappe del 2011, e analizzato tutti gli interventi messi in atto dall’amministrazione.

Quattro sono gli assi fondamentali dei provvedimenti presi: i conti pubblici, i temi strategici di maggiore rilevanza collettiva, la riforma delle Province, l’assetto istituzionale e gli scenari futuri.

Il primo asse, quello dei conti pubblici, è stato rivolto alla sfida condotta nel corso del 2011 sulle spese correnti, quelle per il personale e gli investimenti:  la Provincia non ha aumentato nessuna tassa e secondo l’Upi nazionale, sulla base del rapporto tra superficie territoriale e popolazione demografica, la Provincia di Latina è quella che ha il minor debito, 39 milioni di euro. Ricordando che tanto più è alto il costo del personale e il rimborso del debito, tanto è meno agevole la possibilità di investire.

Il Presidente Cusani, affiancato dal vice presidente e assessore ai lavori pubblici Salvatore De Monaco e dall’assessore alla promozione culturale e politiche sociali Fabio Bianchi è poi entrato nel merito dei principali temi strategici di rilevanza collettiva al centro dell’attività amministrativa dell’anno che si sta per chiudere.

“Iniziamo dalla scuola – ha proseguito il presidente Cusani – facendo alcuni esempi. A Cisterna abbiamo inaugurato il Campus dei Licei, fiore all’occhiello della Politiche Scolastiche, ed è prossimo alla pubblicazione il bando per la costruzione di un analogo istituto ad Aprilia, ma anche a Terracina, Fondi e Formia. È in corso l’ampliamento del Bianchini di Terracina, la costruzione di un auditorio e del planetario al liceo scientifico Leonardo da Vinci e tanti altri interventi di ristrutturazione negli altri istituti scolastici per dare il massimo livello di qualità alle nostre scuole”.

Altro dato sul quale il Presidente Cusani ha posto l’attenzione è l’inversione di tendenza della mortalità sulle strade, passati da 82 nel 2010 a 63 nel 2011 Ampia la trattazione sulle tematiche sociali: “ci preoccupiamo di irrobustire – ha proseguito il presidente – quella rete di protezione nei confronti delle persone che si trovano in una condizione disagevole, dagli emarginati ai disagiati psichici gravi, dagli autistici ai dislessici, ai non vedenti e agli indigenti. Per ciascuna di queste fasce sono previsti dei sostegni, per gli indigenti (13.000 nuclei familiari) in particolare l’acqua (fino a 110 metri cubi) e la luce sono sempre state fornite gratuitamente. Ampie misure di sostegno sono previste anche nel 2012 a favore dei disoccupati, degli inoccupati e degli operai in mobilità: grazie alla ricollocazione nelle aziende, circa 700 senza lavoro continueranno a percepire un sostegno mensile di 800 euro. Secondo l’Eures il numero di occupati più alto del Lazio si registra proprio in provincia di Latina, dove la disoccupazione scende dal 9,6 al 9,2”.

Infine il tema attualissimo delle misure del decreto Monti nei confronti delle Province. “L’abolizione delle Province, contemplata nel decreto “Salva Italia” del Presidente Monti, la riteniamo sbagliata. È un atto di grave irresponsabilità ed è una lesione della nostra Costituzione. La pretesa di fondo è quella di riversare le competenze delle Province in un unico grande calderone, qual è la Regione, ma non viene detto in quali proporzioni finanziarie e qualitative verranno ridistribuiti i servizi. L’abolizione non produce nessun risparmio (il 5% dei dipendenti sarà assorbito dai Comuni, tutti gli altri saranno assorbiti dalla Regione con un’integrazione contrattuale del 23%) e si demolisce la seconda parte del Titolo V della Costituzione, ovvero il principio di sussidiarietà che vede la vicinanza ai cittadini dell’amministrazione pubblica perché più rapida e controllata».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

Torna su
LatinaToday è in caricamento