Politica

Rifiuti da Roma, Zingaretti: “Con i trasferimenti in altri Comuni rischio rivolta”

Il presidente della Regione boccia la proposta avanzata dal sindaco Raggi intervenuta nei gironi scorsi a Porta a Porta: "Complessa oltre che irrealizzabile l'idea di mandare i rifiuti in altri Comuni"

Il presidente della Regione Zingaretti

"L'idea che si possa andare avanti dicendo che tanto i rifiuti li mandiamo in altri Comuni è tecnicamente complessa ma anche irrealizzabile perché l'Ue da tempo vigila e dà indicazioni di lavorare il ciclo dei rifiuti nei luoghi dove sono prodotti”: queste le parole del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che, in occasione di un convegno della Camera di Commercio ieri a Roma, è intervenuto sulla questione rifiuti nella Capitale. 

Nei giorni scorsi le parole del sindaco di Roma Virginia Raggi, che nel corso della trasmissione di Rai1 “Porta a Porta” ha chiesto alla Regione Lazio di sbloccare le richieste di autorizzazione per la realizzazione di nuovi impianti quale possibile soluzione per l’emergenza rifiuti a Roma, facendo anche esplicito riferimento alla Rida di Aprilia, hanno creato non poche polemiche nella provincia pontina

E ieri sulla questione è intervenuto anche il governatore del Lazio Zingaretti. “Il tema non è far polemiche ma indicare una soluzione che non è quella di dire collochiamo i rifiuti in altri Comuni” ha detto. 

"Bisogna far molta, molta, attenzione - ha concluso Zingaretti -. Una politica che ha la pretesa e l'arroganza di far ospitare rifiuti di Roma in altri Comuni può far scattare una rivolta da parte di chi è contrario. Occorre dialogo e assunzione di responsabilità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti da Roma, Zingaretti: “Con i trasferimenti in altri Comuni rischio rivolta”

LatinaToday è in caricamento