Raccolta rifiuti organici, il Tar non decide sulla diffida della Regione Lazio e rinvia al merito

Rida Ambiente annuncia ricorso al Consiglio di Stato per poter trattare il rifiuto Cer 200108

Rida Ambiente, la società titolare dell’impianto di trattamento dei rifiuti con sede ad Aprilia, presenterà ricorso al Consiglio di Stato contro la odierna decisione del TAR che, in sede cautelare, non ha ritenuto di sospendere gli effetti della diffida della Regione Lazio del 14 giugno scorso.
In quell’atto la Regione Lazio diffidava Rida Ambiente dal ritirare il c.d. "Cer 200108", e chiedeva chiarimenti sulla conformità dei rifiuti in uscita. 

Il TAR aveva ordinato ad Arpa, con precedente ordinanza cautelare, di ripetere i controlli; e da tali controlli è stata pienamente confermata la conformità del rifiuto in uscita.
Chiusa tale questione, rimaneva da chiarire il punto sull’ingresso del Cer 200108, ossia il rifiuto organico. Al momento, il TAR, vista la complessità della questione, ha ritenuto di attendere la decisione del merito e di non consentire la ripresa del conferimento del Cer 200108; conferimento già sospeso da RIDA il 14 giugno. 

Per RIDA i tempi necessari per attendere la decisione nel merito non sono comunque compatibili con le esigenze dell’impresa e della comunità servita. Da qui, la decisione di ricorrere al Consiglio di Stato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Veniamo da una lunga serie di conferme, in sede giudiziale, della bontà del nostro operato. Questa recente pronuncia, pur nel massimo rispetto dovuto a ogni provvedimento giudiziale, invece, non ci soddisfa appieno. Abbiamo documenti ed atti che accertano la possibilità di ricevere quel rifiuto – sostiene l’amministratore unico di RIDA,  Fabio Altissimi – e lo dimostreremo fino all'ultimo grado di giudizio poiché comunque crediamo fermamente nella giustizia. Continueremo a lavorare nel consueto modo corretto e rispettoso di cittadini e ambiente, come hanno potuto osservare i diversi rappresentanti di comitati e associazioni che hanno visitato i nostri impianti, nella speranza che al più presto ci venga riconosciuto fino in fondo ciò che crediamo ci spetti di diritto”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Operazione Dirty Glass: chi è Natan Altomare, "soggetto scaltro e pericoloso"

  • “Spregiudicato e di grande caratura criminale”: ecco chi è Luciano Iannotta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento