“Spese pazze” in Regione, 16 ex consiglieri del Pd rinviati a giudizio. C’è anche Moscardelli

La decisione del giudice a conclusione di una inchiesta sulla gestione dei fondi destinati ai gruppi consiliari regionali. Moscradelli: “La contestazione si fonda su un’erronea interpretazione della normativa di riferimento. Certo che il processo dimostrerà la totale infondatezza”

C'è anche il senatore pontino Claudio Moscardelli tra i 16 ex consiglieri regionali del Pd rinviati a giudizio ieri per la vicenda delle cosiddette “spese pazze”, o “rimborsi facili”. 

Questo quanto è stato deciso ieri dal gup Alessandra Boffi, che ha accolto le richieste avanzate dai sostituti procuratori Alberto Pioletti e Laura Condemi, a conclusione di una inchiesta sulla gestione dei fondi destinati ai gruppi consiliari regionali. 

Diverse sono le posizioni per gli imputati per i quali il processo inizierà il 22 gennaio prossimo a Roma davanti ai giudici dell'ottava sezione penale del Tribunale. I fatti sarebbero accaduti tra il 2010 e il 2013 e riguarderebbero l'impiego dei fondi regionali che furono stanziati anche per servizi mai fatti

I reati contestati, a seconda delle posizioni, sono peculato, abuso d’ufficio, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio e truffa.

La posizione di Claudio Moscardelli

Tra i 16 ex consiglieri regionali del Pd rinviati a giudizio, come detto, c’è anche il pontino Claudio Moscardelli. “La contestazione che mi riguarda - spiega lui stesso in un post pubblicato sul suo profilo Facebook - è esclusivamente un’ipotesi di abuso in atti d’ufficio, legata alla procedura adottata per la stipula da parte dei gruppo Pd della Regione Lazio del contratto di alcuni collaboratori per la diffusione dell’attività politica dei gruppo. 

La contestazione - prosegue Moscardelli - si fonda su un’erronea interpretazione della normativa di riferimento che al contrario prevedeva, all’epoca dei fatti, tale diritto per i gruppi politici presenti all’interno del consiglio regionale. Pienamente convinto della legittimità dell’operato dei responsabili dei gruppo Pd sono certo che il processo dimostrerà la totale infondatezza di tale contestazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus, altri 209 contagi e tre morti in provincia. Boom di casi a Terracina

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus Latina, altri 231 contagi. Ma non c'è alcun decesso nelle ultime 24 ore

Torna su
LatinaToday è in caricamento