rotate-mobile
Politica

Movimento 5 Stelle, Barillari alla carica: “No alla Roma-Latina”

L'ex candidato presidente del M5S, Davide Barillari, illustra le prime proposte che verranno avanzate dal movimento e denuncia le intimidazioni subite a Fondi durante un comizio

Messi alle spalle i risultati delle elezioni l’ex candidato presidente del Movimento 5 Stelle e ora consigliere regionale, Davide Barillari, parte subito alla carica in vista del nuovo impegno. Tagli ai costi della politica, infrastrutture, rifiuti, tra i primi temi caldi che si proporrà di affrontare.

Come ha affermato parlando con l’Ansa, ha intenzione di chiamare il nuovo presidente della Regione, Nicola Zingaretti, "per vedere cosa si può cercare di fare subito assieme".

"Il Movimento Cinque Stelle proporrà subito una legge regionale per portare lo stipendio dei consiglieri a 2500 euro netti", quota che gli eletti M5S si sono già impegnati a non superare. "La prima legge da fare è quella sui costi della politica - dice Barillari - Su questo spero che Zingaretti sia disponibile, anche se lui ha parlato in campagna elettorale di 5 mila euro al mese per i consiglieri e quindi non sarà d'accordo".

Un'altra proposta che M5S intende presentare subito alla Pisana riguarda lo stop "al raddoppio dell'aeroporto di Fiumicino e alla Roma-Latina (la bretella dell'A12 che passerebbe per l'area romana di Tor de Cenci, ndr)".

"Queste sono grandi opere che i cittadini non vogliono", ha ripetuto Barillari. Infine i rifiuti: M5S vuole la raccolta differenziata pesante da subito, chiudendo tutte le discariche. "Sulla differenziata Zingaretti sembra d'accordo, mentre il Pd è contrario a chiudere immediatamente gli inceneritori", ha detto Barillari.

L’EPISODIO DI FONDI -  “A Fondi durante la campagna elettorale abbiamo subito un'intimidazione mafiosa, ma ci torneremo presto" ha rivelato lo stesso Barillari, parlando con i giornalisti dopo aver commentato l'esito delle elezioni regionali. "Sono venuti alcuni esponenti della famiglia camorristica che gestisce il potere e hanno fotografato gli attivisti che preparavano la nostra manifestazione - ha detto Barillari -. In piazza ci sono poi state molte meno persone che altrove. E' stato molto 'suggestivo'. Ciò dimostra che lì la mafia ha in mano il territorio. Torneremo presto a Fondi a parlare con la gente, così come altrove, non la abbandoneremo dopo le elezioni come fanno gli altri partiti".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movimento 5 Stelle, Barillari alla carica: “No alla Roma-Latina”

LatinaToday è in caricamento