Sermoneta, approvata in Consiglio la mozione di sfiducia al sindaco Damiano

Duro il commento dell'ormai ex primo cittadino che aveva già rassegnato le proprie dimissioni: “Un atto sciocco. L’epilogo di una situazione che appare più come una vendetta per rancori accumulati in tanti anni”

Epilogo amaro per la consiliatura di Claudio Damiano a Sermoneta. Nel corso del Consiglio comunale di questa mattina è stata approvata la mozione di sfiducia al primo cittadino già dimissionario. 
In aula presenti solo i sette consiglieri firmatari della mozione. Il segretario comunale ha trasmesso gli atti alla Prefettura, che nei prossimi giorni provvederà a nominare un commissario fino alle elezioni, già programmate per il 26 maggio prossimo.

Duro il commento dell’ormai ex primo cittadino di Sermoneta Claudio Damiano. “Quello della sfiducia approvata oggi è l'epilogo di una legislatura che per molti, più che essere incentrata su percorsi amministrativi per dare risposte ai cittadini, era concentrata sulla preparazione di una nuova campagna elettorale. Che questo epilogo sia stato, come definito da altri, il teatrino della politica ne è proprio l'evidenza: oggettivamente se sciocco poteva apparire una mozione di sfiducia a meno di un mese dalle elezioni, ancor più sciocco è l'approvazione di una sfiducia con un sindaco che da tre giorni aveva rassegnato le proprie dimissioni al Prefetto”.

“Mi sembra piuttosto l'epilogo di una situazione che appare più come una vendetta per rancori accumulati in tanti anni .- prosegue l’ex sindaco -. Ed è proprio per questo che penso che Sermoneta abbia bisogno di un cambiamento della classe politica e sono le ragioni per le quali ho ritenuto necessario fare un passo indietro, lasciando ad altri la responsabilità di avviare un processo di cambiamento per proiettare verso il futuro non solo la città, ma anche una nuova classe dirigente. Anche la vicenda di Chiara Caiola, dimissionata da me in un momento in cui era necessario che si portassero a termine scelte e decisioni importanti per il territorio, è stata utilizzata come scusa per la mozione di sfiducia. Io credo che non ci possano essere giustificazioni verso Caiola, una assessora che ha partecipato a una giunta su due, neanche dietro l'ipocrisia di considerarsi lei stessa giovane e donna, perché è offensivo rispetto ai giovani che vogliono porsi in politica assumendosi responsabilità, né tantomeno alle donne che quotidianamente dimostrano il loro valore anche più di tanti uomini”.

“L'unica amarezza è che non so chi seguirà in quest'ultimo mese la realizzazione di cose importanti, come l'implementazione della pubblica illuminazione con pannelli fotovoltaici, i nuovi arredi dei parchi pubblici, il “percorso vita” da realizzarsi. Cose che sono vicine ai bisogni dei cittadini e di cui credo abbiano il diritto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'onestà è la miglior politica - conclude Damiano -: a chi crede che le mie dimissioni siano una sconfitta, rispondo come disse Pier Paolo Pasolini: sono un uomo che preferisce perdere piuttosto che vincere in modo sleale, questo lo faccio fare a chi crede che a una vittoria si possa arrivare anche senza valore della correttezza. Ringrazio e saluto ogni singolo cittadino di Sermoneta che mi ha voluto bene e chi ha creduto in me, ma anche chi non me ne ha voluto e chi non ha creduto nel mio impegno, perché di ogni singolo cittadino sono stato il sindaco”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Coronavirus, contagi inarrestabili. Nel Lazio quasi 600 nuovi casi, in provincia 47 in più

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento