Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica

Di Giorgi sfiduciato, Forte: “Si chiude lo sciagurato ventennio della destra a Latina”

A parlare il consigliere regionale del Pd: “Forza Italia partito delle crisi; per la seconda volta viene sfiduciato un Sindaco facendo rallentare ancora una volta il processo di crescita della città”

Si chiude definitivamente lo sciagurato ventennio della destra nella nostra provincia”: commenta così la caduta dell’amministrazione comunale di Latina il consigliere regionale del Pd, Enrico Forte, all’indomani del Consiglio che ha approvato la mozione di sfiducia a Di Giorgi.

“Penso che i cittadini si siano ormai resi conto che non esista una destra presentabile: il suicidio preceduto dalla lunga agonia di un Sindaco indeciso a tutto, ci consegna una città allo stremo, ma che finalmente può decidere del proprio destino” prosegue Forte.

“Non possiamo che rilevare come Forza Italia si confermi il partito della crisi, anzi, delle crisi: per la seconda volta viene sfiduciato un sindaco facendo rallentare ancora una volta il processo di crescita della città, interpretato dalla destra in questi ultimi anni con le colate di cemento, con gli interventi di urbanistica spericolata per non dire illegale, cui il Pd si è opposto e si opporrà anche nella fase commissariale, ponendo la Regione come interlocutore garante delle procedure”.

“La sfida che ci attende, come partito autonomo e autorevole, che non accetta ‘accordicchi’ e scorciatoie con chicchessia, è quello di ridare a Latina il ruolo che merita, tirandola fuori dal dannoso isolamento, dall’autarchia che è stata la cifra di stile di tutto il malgoverno dell’epoca berlusconiana in questa provincia. Latina deve ricucire il proprio tessuto umano e ambientale riscoprendo la ricchezza del suo territorio, la straordinaria funzionalità dei suoi borghi. E non continuare a soffocare in una selva di palazzi. Latina deve guardare finalmente al futuro ed il Partito democratico ha il dovere di accompagnarla in questo processo di modernizzazione ispirandosi ai modelli europei oggi vincenti.

Le cose da fare sono tante - prosegue Forte - ma senza trionfalismi, seppur tirando un sospiro di sollievo,  guardiamo avanti: alla città per prima. La città ha vissuto mesi difficile - conclude Forte -, ed in questo clima di incertezza un plauso va alla coerenza di tutto il gruppo consiliare, che ha avuto il coraggio di condurre una battaglia senza fare sconti a nessuno per cancellare le brutte pagine scritte da Di Giorgi e soci, aprendo una fase nuova, di speranza per tutti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Giorgi sfiduciato, Forte: “Si chiude lo sciagurato ventennio della destra a Latina”

LatinaToday è in caricamento