Martedì, 26 Ottobre 2021
Politica

Tagli agli sprechi, "nessun gettone a chi abbandona le Commissioni"

Questa la proposta del consigliere Fioravante e appoggiata anche dal Pd. Sarubbo sollecita sindaco e presidente del consiglio comunale a modificare statuto e regolamenti

Non versare il gettone di presenza nelle sedute delle Commissioni ai consiglieri che lasciano la riunione prima della sua conclusione. Questa è la proposta del consigliere comunale , Marco Fioravante, anche alla luce della bufera che sta coinvolgendo in questi giorni la Regione.

Proposta che ha visto il parere favorevole anche del Partito Democratico; Pd che attraverso il suo consigliere e presidente della Commissione Trasparenza, Omar Sarubbo, spinge sindaco e presidente del Consiglio affinchè si arrivi ad una modifica in tal senso di statuto e regolamenti.  

“È ottima la proposta di tagliare gli sprechi dell’amministrazione partendo dal buon esempio degli eletti” ha commentato Sarubbo.

“Ha ragione da vendere – afferma Sarubbo - e dobbiamo chiamare tutto il Consiglio a deliberare in questa direzione al più presto. Per questo in qualità di presidente della Commissione Trasparenza ho deciso di convocare una seduta per condividere con i consiglieri la proposta e poi solleciterò sindaco e il presidente del consiglio a muoversi di conseguenza”.

Il primo passo nel senso della drastica riduzione degli sprechi coinvolgerà i consiglieri della Commissione Trasparenza in una seduta in cui il presidente cercherà di stringere su un percorso per concretizzarla al più presto. “In più, come qualche giorno fa abbiamo pubblicato l’elenco di tutti i consulenti esterni dell’amministrazione – annuncia Sarubbo - oggi chiederò che si pubblichi l’albo delle presenze o assenze di tutti gli eletti e membri della giunta affinché i cittadini possano apprendere dell’operato di chi è chiamato a rappresentarli”.

In secondo luogo il presidente della commissione trasparenza solleciterà a Di Giorgi e Calandrini le modifiche allo Statuto e ai regolamenti per accogliere la proposta di Fioravante. “Ricordo a tal proposito – conclude il presidente Omar Sarubbo - che sono passati sei mesi (era il 25 marzo 2012) da quando ho scritto al sindaco chiedendogli di avviare i lavori della Commissione Affari Istituzionali per riformare, innovare, semplificare le regole della democrazia interna del nostro comune. Lavori che a oggi non hanno prodotto alcun risultato. Ma che non lasceremo cadere nell’oblio, perché continueremo nel nostro lavoro per ottenere il massimo della trasparenza nel Comune di Latina”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli agli sprechi, "nessun gettone a chi abbandona le Commissioni"

LatinaToday è in caricamento