rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

Tax credit, passa l'emendamento di Fauttilli sugli stabilimenti termali

Primo firmatario dell’iniziativa il pontino Federico Fauttilli, Democrazia solidale. Le imprese termali potranno utilizzare un incentivo fiscale per riqualificare le strutture alberghiere, gli stabilimenti e le attrezzature

Nella legge di bilancio è passato l’emendamento che include i titolari di stabilimenti termali tra i beneficiari del tax credit per la riqualificazione alberghiera. Primo firmatario dell’iniziativa il pontino Federico Fauttilli: "Un altro risultato importante per il nostro Paese e per i nostri territori" ha affermato il deputato di Democrazia Solidale. Gli stabilimenti termali potranno beneficiare di una detrazione fiscale pari al 65%, fino a un massimo di 200mila euro, anche per la realizzazione di piscine termali e per l’acquisizione di attrezzature ed apparecchiature necessarie. "Il tax credit sosterrà gli investimenti che i conduttori delle strutture termali, anche nel nostro territorio, stanno avviando per rinnovare e ammodernare l’offerta per i clienti, differenziando prodotti e proposte tanto sul piano medico-sanitario quanto su quello del benessere”. In sostanza le aziende che erogano cure termali accedono al credito d’imposta disciplinato nella misura del 30% delle spese sostenute per interventi di ristrutturazione edilizia, efficientamento energetico, eliminazione delle barriere architettoniche e acquisto di mobili e componenti di arredo.

"Le imprese termali potranno utilizzare un importante incentivo fiscale – ha aggiunto il deputato pontino - per riqualificare le proprie strutture alberghiere, gli stabilimenti e le attrezzature strumentali alle prestazioni termali, potendo così contare su uno strumento in più per poter competere in maniera vincente sui nuovi mercati. Si tratta di un fondamentale segnale di attenzione di Governo e Parlamento nei confronti di un settore strategico per il turismo italiano".

Fauttilli è stato anche l'unico firmatario di un emendamento approvato che avvia in nove Regioni del Paese, nel triennio 2018-2020, una sperimentazione per dare concreta attuazione alle disposizioni della legge concernente i nuovi servizi erogati dalle farmacie nell’ambito del Sservizio sanitario nazionale. La sperimentazione è sottoposta a monitoraggio da parte dei tavoli previsti dall’intesa stipulata nel 2005 in sede di Conferenza Stato- Regioni,  “al fine di verificarne le modalità organizzative e gli impatti, nonché un’eventuale estensione sull’intero territorio nazionale”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tax credit, passa l'emendamento di Fauttilli sugli stabilimenti termali

LatinaToday è in caricamento