rotate-mobile
Rifiuti / Aprilia

Nuovo termovalirizzatore ad Aprilia, il sindaco Terra: “Il mio è un no senza se e senza ma”

L’intervento del primo cittadino Terra dopo la proposta per la realizzazione del nuovo impianto presentata nei giorni scorsi dalla Crea Plant

Si torna a parlare di rifiuti ad Aprilia, sopratutto dopo il progetto presentato dalla Crea Plant per la realizzazione di un termovalorizzatore in città. L’intervento nelle ultime ore è del sindaco Antonio Terra, che ha ribadito il suo “no senza se e senza ma” all’ipotesi del nuovo impianto.

“Sono assolutamente contrario ad ogni ipotesi di nuovi impianti di trattamento di rifiuti sul territorio di Aprilia - ha detto il primo cittadino -. Lo abbiamo detto e ribadito come Amministrazione comunale su ogni tavolo. Lo abbiamo fatto sia nel nostro Comune, votando delibere di Consiglio comunale, che nelle occasioni di confronto sovracomunale. Lo abbiamo fatto perché siamo convinti, come ormai continuiamo a ripetere a chi non vuol capire, che ‘Aprilia ha già dato’. Rispetto all’ipotesi di un termovalorizzatore in città - ha aggiunto Terra -, il mio no non è timido, il mio no è deciso, chiaro, senza se e senza ma.

La maggioranza che mi onoro di guidare e tutta l’Amministrazione comunale da anni è impegnata nella tutela del territorio. Abbiamo difeso la città di Aprilia senza lasciare nulla al caso. Lo abbiamo fatto in ogni sede, con pareri tecnici e legali dettagliati e motivati, con posizioni politiche nette ed unanimi. Con chiarezza senza dubbio alcuno. Sul territorio di Aprilia, lo ricordiamo, esistono già impianti importanti di lavorazione dei rifiuti di caratura regionale che vanno al di là delle esigenze della Provincia di Latina, impianti che spesso hanno aiutato altri Comuni, come quello di Roma, e nuove progettualità andrebbero a pesare sul territorio in maniera sproporzionata ed ingiusta. Un impianto di termovalorizzazione aumenterebbe in maniera sproporzionata il carico ambientale che già grava su Aprilia”.

“Ancora una volta chiederemo l’applicazione del principio di precauzione e di affermare la necessità di azioni di risanamento ambientale che guardino alla tutela e valorizzazione del territorio. Siamo contrari a progettazioni in palese contrasto alle direttive europee che, lo ripetiamo da anni ad orecchie sorde, chiedono in via prioritaria politiche di prevenzione dei rifiuti, di riuso, di riciclo dei materiali. Siamo contrari a impianti che vanno oltre le capacità della città e sono destinati ad accogliere i rifiuti romani quindi a risolvere problemi altrui e non di questo territorio che si è dimostrato virtuoso come pochi in regione” aggiunge ancora il sindaco che torna poi sul termovalorizzatore. Ho letto, inoltre, che si fa riferimento ad eventuali benefici economici per i residenti. L’Amministrazione comunale, invece, chiede ai proponenti di onorare i ‘benefit ambientali’ relativi all’impianto Rida dovuti alla città di Aprilia, questo sarebbe un atto di sicuro interesse per i cittadini. Infine voglio comunicare che il mio impegno politico a favore della città non sta per terminare, non siamo a fine esperienza politica. Sarò della partita anche alla prossima scadenza elettorale insieme ad una coalizione ancora più forte. Ho a cuore gli interessi della comunità apriliana e voglio portare a termine tutta una serie di progettazioni messe in campo in questi mesi di lavoro con gli uffici dell’amministrazione comunale e con la giunta comunale. Bisogna portare a termine il nostro mandato elettorale, mantenere gli impegni e portare avanti l’opera di riqualificazione della città e quella parallela di sviluppo sostenibile. Per tutti questi motivi  - conclude poi Terra - continueremo a contrastare ogni progetto che considereremo negativo per il territorio, lo faremo con chiarezza e, come abbiamo sempre fatto, senza ambiguità e senza timidezza”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo termovalirizzatore ad Aprilia, il sindaco Terra: “Il mio è un no senza se e senza ma”

LatinaToday è in caricamento