Terracina, visita dell’ambasciatrice indiana: importante incontro in Comune

Ricevuta da Roberta Tintari e Nicola Procaccini. In programma iniziative per il 550esimo anniversario del Guru Nanak, fondatore del sikhismo, e il 150esimo della nascita del Mahatma Gandhi

Importante incontro ieri mattina in Comune a Terracina dove il vicesindaco facente funzioni Roberta Tintari e l’eurodeputato Nicola Procaccini hanno ricevuto S.E. Reenat Sandhu, ambasciatrice della Repubblica Federale d’India in Italia, e il Dr. B. Rajender, ministro dell’Agricoltura presso la stessa Ambasciata. All’incontro ha preso parte anche Gurmukh Singh, il presidente della Comunità Indiana del Lazio. 

I colloqui si sono sviluppati sul duplice livello dei rispettivi punti di vista sulle relazioni internazionali tra Unione Europea e India e la condizione dei numerosi cittadini indiani presenti nel territorio di Terracina, largamente impiegati in agricoltura. 

Il vicesindaco Tintari esprime la sua soddisfazione per la visita. "E' stato un vero onore per noi - ha detto -. L’India è una delle più grandi e importanti nazioni del mondo (oltre 1 miliardo e 300 milioni di abitanti, ndr) e se il massimo rappresentante del suo governo in Italia ha interesse a parlare con le istituzioni di una città medio-piccola come la nostra, vuol dire che Terracina sta assumendo un ruolo di rilievo anche a livello nazionale. La presenza di una grande comunità indiana nel nostro territorio, capace di contribuire al progresso economico, sociale e culturale di Terracina, ha ovviamente generato un’attenzione particolare da parte del governo indiano. L’Ambasciatrice ha manifestato compiacimento per il positivo rapporto che l’Amministrazione Comunale e la città di Terracina hanno stabilito con la comunità indiana residente, impiegata soprattutto nel settore dell’agricoltura. Il proposito che ho espresso all’Ambasciatrice Sandhu e al dottor Rajender è quello di concepire forme di collaborazione più strette tra le nostre comunità finalizzata all’armonia e al progresso di tutti.

Insieme all’amico Gurmukh Singh – conclude Tintari -, interlocutore estremamente prezioso e persona di grande disponibilità, si è valutato di allestire iniziative relative alle due grandi celebrazioni che ricorrono quest’anno in India: il 550esimo anniversario del Guru Nanak, fondatore del sikhismo, e il 150esimo anniversario della nascita del Mahatma Gandhi. Gurmukh ci ha offerto il dono alberi da piantare a Terracina per celebrare Guru Nanak e stimo pensando ad una iniziativa con le scuole per il 2 ottobre in ricordo di Gandhi, uno degli uomini che hanno caratterizzato in positivo la storia contemporanea”. 

Il deputato europeo Nicola Procaccini si dice “particolarmente contento dell’incontro perché ha costituito l’opportunità di una reciproca conoscenza che tornerà certamente utile in futuro. L’India è la più grande democrazia del pianeta che rappresenta un interlocutore fondamentale per l’Europa e per il resto del mondo. Quasi 1,4 miliardi di abitanti, moltissimi giovani con un sempre più alto livello di formazione, soprattutto nel campo delle nuove tecnologie. Ci siamo confrontati sul rapporto tra Unione Europea e India e abbiamo scambiato opinioni e impressioni sulla vicenda del Kashmir che in questi giorni è tornato a rappresentare un’area particolarmente sensibile e possibile focolaio di conflitto che tutti dobbiamo scongiurare”.    

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus, contagi inarrestabili. Nel Lazio quasi 600 nuovi casi, in provincia 47 in più

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

  • Coronavirus: altri 49 contagi in provincia. I numeri più alti a Latina, Cisterna ed Aprilia

  • Coronavirus, 543 casi nel Lazio su 15.500 tamponi effettuati in 24 ore. Cinque morti, 112 guariti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento