Lunedì, 15 Luglio 2024
Politica

“Una città in 15 minuti”: il piano del Pd per rimodulare il trasporto pubblico locale

Il progetto declinato in 15 punti è stato elaborato dal gruppo mobilità del Partito Democratico e illustrato alla città dai candidati consiglieri alle elezioni amministrative

“Una città in 15 minuti”: può essere tradotto così in estrema sintesi il progetto elaborato dal gruppo mobilità del Pd Latina, con la collaborazione dei candidati al Consiglio comunale alle elezioni amministrative; un documento operativo per rilanciare i trasporti con l’obiettivo di “razionalizzare i percorsi, intensificare le linee, velocizzare i tempi, connettere l'intera città dal centro ai borghi fino alla Marina, Latina Scalo, Q4 e Q5”. 

“Il piano - spiega il Partito Democratico - è stato ideato con l’intento di ottimizzare ciò che c’è, tenendo quindi conto dell’attuale personale e dell’attuale numero di mezzi e si declina nei seguenti 15 punti: ogni corsa deve percorrere non più di 15 km; la durata del tragitto non deve essere superiore a 15 minuti; la distanza da percorrere a piedi per raggiungere la fermata non deve essere superiore a 5 minuti; su ogni singola linea ci devono essere almeno due bus ogni ora; le linee vanno ridotte e razionalizzate; la città deve essere divisa in settori nei quali le linee di confine costituiscono le connessioni tra i quartieri con percorsi che seguono direzioni opposte; la circonvallazione deve diventare un anello di congiunzione tra i settori e strumento di collegamento tra le diverse zone della città; incentivare i mezzi ecosostenibili e le facilitazioni di accesso per le persone con ridotta mobilità; prevedere mini stazioni (o stalli) in punti nevralgici; creare punti di interscambio auto, bus, bici, monopattini etc.; orari del servizio dalle 05:00 alle 23:00; linee funzionanti (con riduzione) anche la domenica e i giorni festivi; linee funzionanti (con riduzione) nel fine settimane nella fascia notturna per venire incontro alle esigenze dei giovani abitanti delle aeree periferiche; linee estive per il mare e dal mare anche dopo mezzanotte”.

Il piano è stato presentato alla città da Giuseppe Pannone, responsabile del gruppo lavoro mobilità del Pd di Latina, nel corso di un incontro a cui hanno preso parte anche i candidati alle elezioni comunali e il candidato sindaco Damiano Coletta.

“Tra le nostre priorità c’è quella di creare un sistema di trasporti efficiente, che stimoli i cittadini a un maggiore utilizzo dei mezzi pubblici e che favorisca la transizione ecologica - ha detto la capolista Daniela Fiore -. Il trasporto locale è un elemento chiave per lo sviluppo della città, per l'attrattività turistica dei nostri territori e per connettere la città con i borghi e la marina. Con questi obiettivi non solo abbiamo ritenuto indispensabile ripensare tratte e frequenza delle linee di trasporto, ma anche introdurre infrastrutture fisiche e digitali per migliorare l'accessibilità ai servizi”.

“La visione politica del piano è quella di una città policentrica e interamente relazionata - gli ha fatto eco il segretario comunale e candidato consigliere Leonardo Majocchi -. Abbiamo studiato un sistema in cui tutta la popolazione risulti servita da almeno una linea urbana che permette di raggiungere tutti i servizi in 15’. Aumentando anche le corse, in alcuni orari e zone in cui sono troppo esclusive (periferie e borghi). Altro aspetto che mi preme molto è portare avanti l’idea di una città che viva anche dalle 2 alle 6 del mattino. Aver previsto anche delle corse notturne risponde a questa esigenza. Il piano è davvero ben fatto e riflette anche la giusta modalità di affrontare questi temi: con studio e senza abuso di retorica”

“Il trasporto pubblico locale - ha poi aggiunto Francesco Pannone - deve diventare un'alternativa credibile al trasporto privato: per questo siamo fortemente convinti della necessità di applicare modelli nuovi che siano frutto di studio e di confronto con altre realtà anche italiane. Il tema del Tpl riguarda, oltre che la centralità della riduzione di emissioni, anche la centralità della sicurezza stradale: una nuova visione del traffico e nuove possibilità, soprattutto rivolte ai più giovani, sono necessarie in quanto ancora oggi, la maggiore causa di mortalità giovanile sono gli incidenti stradali. La politica, in questo senso, può e deve intervenire”.

“Dopo i passi in avanti fatti negli ultimi anni, penso all’aumento del contributo chilometrico e il rinnovo del parco mezzi, bisogna andare avanti e questo piano ci consentirebbe di farlo - ha concluso Valeria Campagna -. Tra gli aspetti principali c’è quello dell’intermodalità: introdurre un sistema di interscambio tra vettura e altri veicoli utilizzando le aree di parcheggio esistenti in prossimità dei percorsi del trasporto urbano. Importante – conclude – sarà adottare un piano dei parcheggi e prevedere i punti di interscambio per facilitare la connessione tra le aree della città”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Una città in 15 minuti”: il piano del Pd per rimodulare il trasporto pubblico locale
LatinaToday è in caricamento