Politica

Urbanistica, Fioravante accusa l'amministrazione “Buio completo”

Il consigliere insoddisfatto dalla seduta di ieri e dal disinteresse della commissione. Tre i nodi da sciogliere il piano parcheggi, il regolamento edilizio e il piano casa

“Altri due consigli comunali, quello del 28 Ottobre e quello di ieri, e nulla di fatto per l'Urbanistica. I dovuti provvedimenti per il Piano Casa da parte dell'amministrazione non sono arrivati, l'attesa dei cittadini e degli operatori del settore è andato ancora una volta di più delusa. Ma al peggio non c'è mai fine, non solo non è arrivata in consiglio la delibera ma neppure la proposta è stata messa all'attenzione della Commissione Urbanistica”.

Questa è la dura e lucida analisi di Marco Fioravante, consigliere comunale di Latina per Il Patto all’indomani di un consiglio che ha visto la sua attenzione tutta puntata sulla questione dell’incompatibilità della doppia carica di di Giorgi. E ci va giù duro l’ex candidato sindaco che accusa l’amministrazione di tapparsi gli occhi di fronte ad un problema di tale importanza come quello del Piano Casa, ricordando come dall'approvazione della legge, che risale allo scorso 27 ottobre, la questione è stata posta all’ordine del giorno della Commissione per ben sei volte senza arrivare a nulla di concreto.

“Dopo tale insuccesso – continua Fioravante - non si è più proceduto a nessuna convocazione, giovedì si ripropone il tema, ma sarà la volta buona per arrivare ad una bozza di delibera? È bene ricordare che dal 15 Settembre si possono presentare le domande, che la Legge è operativa ma il Comune di Latina dorme. I cittadini potrebbero usufruire del 30% di sconto sulla Bucalossi per i loro ampliamenti, ma nessuno dei due assessori all'Urbanistica riesce a far uscire dagli uffici la proposta di delibera. Diventa oramai abbastanza chiaro che per questa amministrazione è sufficiente un annuncio e considera il problema archiviato. Chiacchiere e nulla di concreto”.

Sono tre i problemi che secondo Marco Fioravante richiedono la massima urgenza, vale a dire il piano campeggi, il regolamento edilizio e il piano casa.

“L'economia che ruota intorno ai campeggi può continuare a contare sulle promesse, il Regolamento Edilizio rimane sempre una chimera ed il disordine nelle costruzioni resta sovrano e in ultimo il Piano Casa: nessuno sconto per gli oneri concessori in caso di ampliamento della famosa “stanza in più” e nessuna tutela per molte parti storiche della nostra città. Tutto ciò – conclude Fioravante - nonostante le volontà di tutti i membri della commissione urbanistica, tutto lettera morta. I cittadini pagheranno di più con unico responsabile l'inettitudine dell'amministrazione con buona pace degli annunci e tutto in attesa di un prossimo spot”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urbanistica, Fioravante accusa l'amministrazione “Buio completo”

LatinaToday è in caricamento