rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Politica Prampolini

Nuovi palazzi, interrogazione di Porcari sul Piano R3-Prampolini

Il consigliere comunale del Partito Democratico chiede sia fatta luce sull'iter che ha portato all'incremento della superficie edificabile ma non delle aree destinate ai servizi

Vuole fare luce sull’iter che ha portato all’incremento della superficie edificabile ma non delle aree destinate ai servizi nel quartiere Prampolini.

E’ il consigliere comunale del Pd Fabrizio Porcari che ha presentato un interrogazione con oggetto proprio “l’iter urbanistico che sta portando alla costruzione di nuovi edifici nel quartiere R3-Prampolini” manifestando forti perplessità sui passaggi che hanno portato all’approvazione del Piano particolareggiato e sulla variante che ha permesso di rendere edificabili alcune aree del quartiere, per questo chiede sia fatta luce sulle procedure seguite per l’attuazione del Ppe.

A monte c’è il Piano Casa della Regione, “una legge – afferma Porcari – di cui il comune di Latina ha abusato laddove ha escluso l’opposizione dall’iter procedurale dettato dal Piano facendo passaggi solo in giunta.  L’abbiamo sempre denunciato e abbiamo anche proposto almeno un passaggio illustrativo in commissione, ma l’ipotesi è stata sempre scartata dalla maggioranza e oggi ne comprendiamo bene il motivo”.

Il consigliere segnala alcuni aspetti dubbi del Piano R3: “Il piano regolatore del ’72 – spiega Porcari - prevedeva per il quartiere R3 8.897 abitanti e 711.760 metri cubi destinati a residenze più 177.940 metri cubi riservati a negozi e uffici. Stando ai nuovi calcoli del Piano approvato con deliberazione della giunta municipale n. 434 del 2014 si arriva ad avere 9.622 abitanti, 769.760 metri cubi residenziali e 192.440 metri cubi di tipo commerciale, con un aumento di 725 abitanti e di 72.500 metri cubi complessivi. Posto l’incremento di abitanti e cubatura – si domanda il democratico – non è questa una variante al Piano regolatore per cui non è sufficiente la sola approvazione della giunta ma c è bisogno di un passaggio in consiglio comunale e anche agli organi regionali?”.

Ma secondo il consigliere democratico c’è anche una latro aspetto curioso. “Dal calcolo emerge che aumentano abitanti e metri cubi per residenze e attività commerciali, ma resta invariata la superficie territoriale destinata ai servizi generali. Come è possibile – si chiede ancora Porcari – che siano incrementate le aree per il residenziale e il commerciale e non proporzionalmente anche quelle relative ai servizi pubblici?”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi palazzi, interrogazione di Porcari sul Piano R3-Prampolini

LatinaToday è in caricamento